ore:  12:38 | allerta Arancione per Ghiaccio dalle ore 18:00 di Lunedì 25 Gennaio 2021, fino alle ore 12:00, di Martedì 26 Gennaio 2021

ore:  12:48 | allerta Arancione per Mareggiate attualmente in corso fino alle ore 23:59 di Sabato 23 Gennaio 2021;Allerta gialla per rischio Idrogeologico reticolo minore, mareggiate e vento fino alle ore alle 23:59 Di Domenica 24 Gennaio 2021.

ore:  14:17 | allerta codice GIALLO per rischio idrogeologico idraulico del reticolo minore attualmente in corso, fino alle ore 23.59 di Mercoledì 06 Gennaio 2021

ore:  13:46 | Codice giallo per neve e rischio idrogeologico su quasi tutta la regione

ore:  12:48 | Emesso aggiornamento allerta codice Giallo per rischio idrogeologico idraulico del reticolo minore attualmente in corso, fino alle ore 23,59 di Martedi 05.01.2021

martedì, 20 ottobre, 2015

http://www.antenna3.tv/2015/10/20/stangata-sui-canoni-gli-stabilimenti-balneari-apuani-pagheranno-quasi-il-doppio-la-regione-aumenta-dal-25-al-100-laddizionale-chiesta-per-le-concessioni-demaniali-marittime/

Mediavideo Antenna3

Stangata sui canoni: gli stabilimenti balneari apuani pagheranno quasi il doppio La Regione aumenta dal 25 al 100% l’addizionale chiesta per le concessioni demaniali marittime.

di  Redazione web

Arriva la stangata sui canoni pagati dagli stabilimenti balneari. La Regione aumenta dal 25 al 100% l’addizionale chiesta sulle concessioni demaniali marittime. E’ l’unico rincaro previsto dalla legge di stabilità a cui è stato dato il via lunedì 19 nella giunta regionale.

Di che imposta si tratta? Chi ha in concessione un tratto di spiaggia e magari l’attrezza, caso tipico gli stabilimenti balneari, paga un canone al Comune e un’imposta alla Regione. La tassa regionale è ora il 25 per cento del canone e passerà al 100 per cento. Chi ha una concessione pagherà il canone ai Comuni e esattamente lo stesso importo alla Regione. La legge consentiva di alzare l’imposta fino al 300 per cento. Il ritocco permetterà di incassare 10,35 milioni di euro contro i 2 milioni e 750 mila riscossi nel 2014.

Per il resto, informano da Firenze, le tasse restano invariate. La proposta di legge di stabilità licenziata dalla giunta e inviata ai sindaci revisori non porta alcuna brutta notizia nelle tasche dei toscani. Non aumenterà l’addizionale Irpef regionale pagata da famiglie e lavoratori toscani, che rimarrà la stessa del 2015. Non sarà ritoccato il bollo auto, che vale 370 milioni nel bilancio della Regione. Non ci sarà alcuna accisa regionale sulla benzina e nessun aumento sull’Irap, l’imposta sulle attività produttive pagata da imprese e lavoratori autonomi.

 

il tirreno

ore: 19:03 | 

comments powered by Disqus