ore:  15:12 | Maltempo, codice arancione per temporali, vento e mareggiate dalle 18 di oggi, giovedì, alle 20 di sabato 26 settembre

ore:  14:34 | Coronavirus: TOSCANA – 90 nuovi casi, 1 decesso, 93 guarigioni

ore:  13:02 | allerta colore Giallo per rischio idrogeologico idraulico e temporali forti a partire dalle ore 13.00 Mercoledì, alle ore 23.59 Giovedì, 24 Settembre 2020

ore:  14:57 | Codice giallo per pioggia e temporali fino alla mezzanotte di domani

ore:  13:02 | Maltempo, codice giallo per temporali forti fino alle 20 di oggi

domenica, 18 ottobre, 2015

http://www.antenna3.tv/2015/10/18/maltempo-proroga-criticita-giallo-fino-a-domani-lunedi-ore-13-00/

Mediavideo Antenna3

Maltempo: proroga criticità Giallo fino a domani, lunedi ore 13.00

di  Redazione web

PROVINCE INTERESSATE: AREZZO, FIRENZE, GROSSETO, LIVORNO, LUCCA, MASSA-CARRARA, PISA,
PISTOIA, PRATO, SIENA

dalle ore 16.00 Domenica, 18 Ottobre 2015 alle ore 13.00 Lunedì, 19 Ottobre 2015
FENOMENI PREVISTI
sulla Toscana affluiscono correnti relativamente umide. Nella seconda parte della giornata di oggi, domenica, e nella
notte successiva è previsto il transito di una veloce perturbazione. Rapido miglioramento nella mattina di domani, lunedì.
PIOGGIA: oggi, domenica, piogge in estensione nel pomeriggio dalle zone costiere al resto della regione. Fino alla
mattina di domani, lunedì, sono attesi cumulati medi significativi su gran parte della regione con massimi puntuali
localmente elevati. Cumulati medi non significativi sulle province di Massa-Carrara e Grosseto e massimi puntuali non
elevati.
DESCRIZIONE DEGLI SCENARI DI EVENTO PREVISTI
IDROGEOLOGICO
IDRAULICO
Criticità Giallo: A causa dell’elevato grado di saturazione del terreno (negli ultimi giorni in alcune zone delle province di
Prato, Pistoia, e Lucca si sono cumulate piogge che hanno superato i 200 mm), le precipitazioni, a carattere di rovescio o
locale temporale, previste per la giornata di oggi, Domenica, e per la prima parte di domani, Lunedì, potranno dar luogo a
innesco di frane superficiali/colate rapide di detriti o fango in bacini di dimensioni limitate e ruscellamenti superficiali
anche con trasporto di materiale con conseguenti possibili danni localizzati alle infrastrutture, edifici e attività agricole,
cantieri, insediamenti civili e industriali esposti; possibile innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua minori, con
inondazioni delle aree limitrofe, anche per effetto di criticità locali (tombature, restringimenti, occlusioni delle luci dei ponti,
ecc); possibile scorrimento superficiale delle acque nelle strade con fenomeni di rigurgito dei sistemi di smaltimento delle
acque piovane e con possibile tracimazione e coinvolgimento delle aree urbane depresse, dei locali interrati e di quelli
posti a pian terreno lungo le vie potenzialmente interessate da deflussi idrici; possibili temporanee interruzioni della rete
stradale e/o ferroviaria in prossimità di impluvi, canali, zone depresse (sottopassi, tunnel, avvallamenti stradali, etc.) e a
valle di porzioni di versante interessate da fenomeni franosi; possibili limitati danni alle opere idraulichee di difesa delle
sponde, alle attività agricole, ai cantieri, agli insediamenti civili e industriali in alveo; possibili criticità connesse a
localizzate cadute massi.
2

 

ore: 20:35 | 

comments powered by Disqus