ore:  12:57 | Vento, codice giallo in Toscana fino a domani 26 febbraio

ore:  13:23 | Codice giallo per ghiaccio e neve fino a martedì 11 gennaio

ore:  16:34 | Allerta meteo, lunedì 10 gennaio codice giallo per neve e vento

ore:  13:45 | AGGIORNAMENTO – allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, attualmente in corso fino alle ore 22:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

ore:  12:48 | Allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, a partire dalle ore 10:00 fino alle ore 18:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

mercoledì, 14 ottobre, 2015

http://www.antenna3.tv/2015/10/14/barani-deferito-a-corte-conti-danno-a-stato-di-19-milioni-i-fatti-riferiti-a-quando-era-sindaco-di-aulla/

Mediavideo Antenna3

Barani deferito a Corte Conti, danno a Stato di 1,9 milioni I fatti riferiti a quando era sindaco di Aulla

di  Redazione web

Il senatore Lucio Barani è stato deferito, assieme ad altre 10 persone, alla Corte dei Conti per un danno erariale di 1,9 milioni. Il capogruppo di Ala in Senato era recentemente stato al centro di polemiche e sospeso per un gesto sessista nei confronti di una collega del Movimento cinque stelle.

I fatti addebitati al parlamentare, secondo quanto si apprende, sono riferiti a quando il senatore era sindaco di Aulla. In seguito agli accertamenti disposti dalla procura regionale della Corte dei Conti per la Toscana, il nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza ha segnalato un danno erariale di quasi due milioni, attribuibile alla condotta illecita di amministratori, dirigenti e funzionari del comune di Aulla e della provincia di Massa Carrara. Secondo gli accertamenti, i vari amministratori succedutisi nel tempo, avrebbero autorizzato la realizzazione di opere urbanistiche in un contesto caratterizzato da una palese pericolosità idraulica, senza assumere le necessarie cautele. Sono così state deferite 11 persone, tra cui appunto il senatore Barani per il periodo in cui era sindaco di Aulla.

ore: 16:02 | 

comments powered by Disqus