ore:  14:01 | Ghiaccio, codice arancione per lunedì 15 febbraio su quasi tutta la Toscana

ore:  11:28 | Emessa allerta codice Giallo per Rischio Ghiaccio, dalle ore 20:00, di Sabato 13 Febbraio 2021, fino alle ore 12:00 e dalle ore 18:00 fino alle ore 23:59 di Domenica 14 Febbraio 2021

ore:  12:12 | allerta Gialla per Rischio Idrogeologico reticolo minore dalle ore 17:00 di Sabato 30 Gennaio, fino alle ore 02:00, di Domenica 31 Gennaio 2021;

ore:  12:38 | allerta Arancione per Ghiaccio dalle ore 18:00 di Lunedì 25 Gennaio 2021, fino alle ore 12:00, di Martedì 26 Gennaio 2021

ore:  12:48 | allerta Arancione per Mareggiate attualmente in corso fino alle ore 23:59 di Sabato 23 Gennaio 2021;Allerta gialla per rischio Idrogeologico reticolo minore, mareggiate e vento fino alle ore alle 23:59 Di Domenica 24 Gennaio 2021.

martedì, 13 ottobre, 2015

http://www.antenna3.tv/2015/10/13/carrione-rimossa-la-striscia-di-sabbia-alla-foce-del-fiume-immediato-lintervento-del-consorzio-di-bonifica-e-unione-dei-comuni-in-vista-dellallerta-meteo-dei-prossimi-giorni/

Mediavideo Antenna3

Carrione: rimossa la striscia di sabbia alla foce del fiume. Immediato l’intervento del Consorzio di Bonifica e Unione dei Comuni in vista dell’allerta meteo dei prossimi giorni

di  Redazione web

E’ un intervento da record quello realizzato dal Consorzio 1 Toscana Nord insieme all’Unione di Comuni Montana Lunigiana di fronte all’allerta meteo diramato dalla Protezione civile per i prossimi giorni.

Grazie alla rimozione della striscia di sabbia accumulatasi alla foce del Carrione infatti già da oggi (mercoledì 14 ottobre) il fiume potrà recuperare il regolare deflusso in mare: «Abbiamo attivato subito una ditta per l’esecuzione dei lavori di rimozione di questo ostacolo – spiega il Presidente del Consorzio Ismaele Ridolfi –  è un intervento che facciamo ogni qual volta si viene a creare un eccessivo accumulo di sabbia, ma ci siamo mossi con estrema urgenza proprio come misura preventiva all’allerta meteo previsto per i prossimi giorni».

Intervento preventivo e ordinario che secondo il Consorzio però non risolve il problema alla radice: «Per evitare che questo fenomeno si ripeta e rendere quindi quest’area più sicura dal punto di vista idraulico sarebbero necessarie tutta una serie di opere a mare e interventi strutturali – continua Ridolfi. Condividiamo inoltre pienamente l’idea di uno studio idrogeologico particolareggiato sul fiume e la possibilità di interventi straordinari sul letto del corso d’acqua innalzatosi in questi anni a causa dell’accumulo di detriti».

 

foto archivio

ore: 19:07 | 

comments powered by Disqus