ore:  15:12 | Maltempo, codice arancione per temporali, vento e mareggiate dalle 18 di oggi, giovedì, alle 20 di sabato 26 settembre

ore:  14:34 | Coronavirus: TOSCANA – 90 nuovi casi, 1 decesso, 93 guarigioni

ore:  13:02 | allerta colore Giallo per rischio idrogeologico idraulico e temporali forti a partire dalle ore 13.00 Mercoledì, alle ore 23.59 Giovedì, 24 Settembre 2020

ore:  14:57 | Codice giallo per pioggia e temporali fino alla mezzanotte di domani

ore:  13:02 | Maltempo, codice giallo per temporali forti fino alle 20 di oggi

mercoledì, 7 ottobre, 2015

http://www.antenna3.tv/2015/10/07/devasta-un-locale-e-il-pronto-soccorso-finisce-in-manette/

Mediavideo Antenna3

Devasta un locale e il pronto soccorso: finisce in manette

di  Redazione web

Ha devastato un bar in centro a Carrara e poi, dato che le forze dell’ordine lo avevano portato al pronto soccorso per accertare il suo stato di ebbrezza e soprattutto per fargli medicare le ferite che si era procurato rompendo specchi e bottiglie, si è accanito contro la sala d’attesa della prima emergenza dell’ospedale. Risultato? È finito in manette anche per resistenza a pubblico ufficiale, oltre che per danneggiamento di luogo pubblico. Denunciato invece per i danneggiamenti nel locale.

Il protagonista di questo movimentato episodio, che si è consumato lunedì sera in centro, è un cittadino libico di 27 anni. È arrivato nel bar già alticcio e ha cominciato a ordinare da bere, ma dopo un po’ chi era dall’altra parte del bancone non solo ha smesso di servirgli alcolici ma ha cominciato a tenerlo d’occhio. Lo straniero arrabbiato perché non poteva più bere ha spaccato una sedia, poi si è accanito contro un tavolino. E così è intervenuta una pattuglia

nel nucleo operativo dei carabinieri di Carrara. I militari sono riusciti a bloccarlo, non senza qualche difficoltà, e a portarlo all’ospedale. Ed è lì che il libico ha dato il peggio di sé, meritandosi le manette. E una doppia denuncia che lo porterà davanti a un giudice entro poco tempo.

 

il tirreno

ore: 20:15 | 

comments powered by Disqus