ore:  14:01 | Ghiaccio, codice arancione per lunedì 15 febbraio su quasi tutta la Toscana

ore:  11:28 | Emessa allerta codice Giallo per Rischio Ghiaccio, dalle ore 20:00, di Sabato 13 Febbraio 2021, fino alle ore 12:00 e dalle ore 18:00 fino alle ore 23:59 di Domenica 14 Febbraio 2021

ore:  12:12 | allerta Gialla per Rischio Idrogeologico reticolo minore dalle ore 17:00 di Sabato 30 Gennaio, fino alle ore 02:00, di Domenica 31 Gennaio 2021;

ore:  12:38 | allerta Arancione per Ghiaccio dalle ore 18:00 di Lunedì 25 Gennaio 2021, fino alle ore 12:00, di Martedì 26 Gennaio 2021

ore:  12:48 | allerta Arancione per Mareggiate attualmente in corso fino alle ore 23:59 di Sabato 23 Gennaio 2021;Allerta gialla per rischio Idrogeologico reticolo minore, mareggiate e vento fino alle ore alle 23:59 Di Domenica 24 Gennaio 2021.

giovedì, 10 settembre, 2015

http://www.antenna3.tv/2015/09/10/ex-assessore-sfratta-giovane-mamma-la-protesta-della-donna-in-strada-con-una-bimba-di-20-giorni-e-una-di-tre-anni/

Mediavideo Antenna3

Ex assessore sfratta giovane mamma. La protesta della donna in strada con una bimba di 20 giorni e una di tre anni

di  Redazione web

Quando ha ricevuto la terza notifica di sfratto lei, così ha raccontato nel corso di una giornata lunga e difficilissima, era in ospedale a partorire la sua seconda bambina.

La bimba ora ha venti giorni e la mamma, insieme al papà e a un’altra figlia di tre anni, si trova fuori di casa. La sua culla il suo fasciatoio in strada, a Marina di Carrara, fuori dall’appartamento da cui è stata sfrattata.

Quella di mamma Alice, 28 anni, è stata una giornata difficile. Cominciata alle tre del pomeriggio di ieri, con il provvedimento di sfratto esecutivo. Il mandante, ossia il padrone di casa è Italo Vatteroni, ex assessore comunale dell’allora partito comunista negli anni Settanta e Ottanta.

La giovane mamma ha dovuto lasciare la casa, ma prima ha cercato di difendere il suo alloggio, e le sue bambine con le unghie e con i denti. Ha provato a chiudersi in casa: sul posto sono arrivati polizia, carabinieri e anche un’ambulanza. I medici hanno prescritto a mamma Alice due settimane di riposo per il forte stato ansioso in cui si trovava. Ma il procedimento di sfratto non si è fermato. L’ufficiale giudiziario è arrivato accompagnato dal fabbro che ha provveduto a cambiare la serratura dell’appartamento.

A quel punto mamma Alice si è sentita perduta: ha provato a rimanere in casa, anche a rientrarci, ma alla fine non ha potuto fare altro che uscire. Con la sua bambina in braccio (l’altra era già uscita con il papà perché aveva cominciato a piangere di fronte a tutto quel trambusto) e il fasciatoio accanto, sul marciapiede, davanti alla gente che rientrava nelle proprie abitazioni.

Una scena che ha suscitato grande scalpore non solo perchè il padrone di casa è stato un esponente di spicco della sinistra carrarese ma,

soprattutto per la piccolina di appena venti giorni coinvolta, suo malgrado in questa brutta vicenda. Una vicenda delicatissima di cui ora si occuperanno i servizi sociali a cui mamma Alice, forse per una sorta di pudore, fino ad oggi non si era mai rivolta.

 

 

il tirreno

ore: 17:37 | 

comments powered by Disqus