ore:  11:45 | Maltempo, codice giallo per temporali e rischio idrogeologico per tutta la regione

ore:  10:55 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti dalle ore 22.00 di Giovedì 15 Ottobre alle ore 10.00 di Venerdì 16 Ottobre 2020

ore:  12:40 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore dalle ore 18.00 di Mercoledì 14 Ottobre alle ore 13.00 di Giovedì 15 Ottobre 2020

ore:  14:14 | Esteso a domani allerta meteo di codice ‘giallo’. Attesi anche forti venti nell’area fiorentina

ore:  13:40 | allerta colore giallo per rischio idrogeologicoidraulico- temporali forti -mareggiate e vento a partire dalle ore 20.00 Martedì, 06 Ottobre alle ore 12.00 Mercoledì, 07 Ottobre 2020

giovedì, 20 agosto, 2015

http://www.antenna3.tv/2015/08/20/moria-uccelli-carrioneil-mistero-si-infittisce/

Mediavideo Antenna3

MORIA UCCELLI CARRIONE:IL MISTERO SI INFITTISCE

di  Redazione web

PER CAPIRE LE RAGIONI DELLA MORIA DI UCCELLI NEL CARRIONE SERVIRANNO ALTRI ESAMI. LO DICONO GLI ESPERTI DI ASL1 RACCONTANDO CHE A DIFFERENZA DEI VOLATILI DECEDUTI SU LAVELLO E BRUGIANO, QUELLI RITROVATI NEL TRATTO AVENZINO DEL CARRIONE NON PRESENTANO LESIONI IMMEDIATAMENTE RICONDUCIBILI A PATOLOGIE NOTE.

Gli organi interni non presentano lesioni evidenti ma, dagli esami, emerge con chiarezza che gli animali non si alimentavano da tempo. E’ quanto ha stabilito l’Istituto Zooprofilattico di Pisa a seguito dell’indagine anatomo-patologica sui nove uccelli ritrovati morti lunedì nel tratto avenzino del Carrione. Il dottor Armando Tognoni, direttore del dipartimento di Santità Animale di Asl1 spiega che questa volta, per capire le ragioni dei decessi serviranno ulteriori esami. Sì, perché mentre i volatili ritrovati su Brugiano e Lavello presentavano negli organi interni lesioni più evidenti, che hanno permesso agli esperti di ricondurre il decesso al “batterio killer”, gli animali morti sul Carrione queste lesioni non le hanno. O meglio le lesioni ci sono ma sono di entità così lieve da non permettere una immediata associazione con le patologie conosciute. «Gli esemplari sono stati inviati all’Università di Tor Vergata a Roma, per ulteriori indagini» annuncia il dottor Tognoni, precisando che le differenti condizioni rilevati nei due gruppi di uccelli potrebbero avere diverse spiegazioni. «I fattori che hanno portato alla moria potrebbero essere diversi oppure la patologia che ha colpito i volatili del Carrione potrebbe essere uguale ma in uno stadio più lieve rispetto a quella che ha ucciso gli uccelli su Brugiano e Lavello». Per saperlo si dovrà attendere la risposta dell’ateneo capitolino. O magari l’esito degli esami che Arpat sta effettuando sulle acque del Carrione. Intanto per i tre corsi d’acqua interessati alla moria di uccelli restano in vigore le ordinanze di divieto di accesso all’alveo e agli argini, emesse dai Comuni di Massa e di Carrara.

ore: 17:48 | 

comments powered by Disqus