ore:  15:12 | Maltempo, codice arancione per temporali, vento e mareggiate dalle 18 di oggi, giovedì, alle 20 di sabato 26 settembre

ore:  14:34 | Coronavirus: TOSCANA – 90 nuovi casi, 1 decesso, 93 guarigioni

ore:  13:02 | allerta colore Giallo per rischio idrogeologico idraulico e temporali forti a partire dalle ore 13.00 Mercoledì, alle ore 23.59 Giovedì, 24 Settembre 2020

ore:  14:57 | Codice giallo per pioggia e temporali fino alla mezzanotte di domani

ore:  13:02 | Maltempo, codice giallo per temporali forti fino alle 20 di oggi

lunedì, 6 luglio, 2015

http://www.antenna3.tv/2015/07/06/fioriture-alga-o-ovata-in-alcuni-tratti-del-litorale/

Mediavideo Antenna3

fioriture alga O. Ovata in alcuni tratti del litorale

di  Redazione web

alga_ostreopsis_ovataSulla base del campionamento effettuato il 2 luglio scorso Arpat ha diffuso un bollettino circa la presenza lungo il litorale massese dell’alga Ostreopsis Ovata. Sono state evidenziate alcune fioriture critiche in quattro punti identificati come OST-MS1, OST-MS2,  OST-MS3 e OST- MS5 che corrispondono, rispettivamente, ai tratti di mare antistanti la foce del torrente Ricortola, il campo da calcio di Marina di Massa, la zona del Pontile e l’imbocco della vasca dell’ostello della gioventù.
L’ostreopsis ovata è un’alga microscopica unicellulare che ha una distribuzione nella zona temperato-calda/subtropicale ma che, da diversi anni, è presente nelle acque del Mediterraneo caratterizzate da coste e fondali a prevalente natura rocciosa.

La proliferazione di questa alga alle nostre latitudini è legata essenzialmente a fattori climatici quali: condizioni meteo stabili ed alta pressione, moto ondoso ridotto, temperatura dell’acqua relativamente elevata.

L’Ostreopsis ovata è un’ alga che, in qualche caso, può produrre effetti negativi sugli organismi marini e lievi malesseri nei bagnanti principalmente attribuibili ad inalazione di aereosol.
In molti casi le fioriture non sono accompagnate da alcuna ripercussione e gli eventuali problemi per la salute umana si risolvono nel giro di poche ore o pochi giorni, senza ulteriori conseguenze e risultano sempre di lieve entità.

In nessun caso sono stati riscontrati casi di intossicazione da consumo di prodotti ittici contaminati dalla presenza di questa microalga anche se vengono sempre controllati intensamente. A questo proposito è bene comunque ricordare che le acque del litorale apuano non sono autorizzate alla raccolta di frutti di mare.

I segni caratteristici del fenomeno in caso di fioritura massiva osservabili ad occhio nudo sono la formazione sott’acqua di una pellicola brunastra dall’aspetto membranoso e gelatinoso sugli scogli e su ciò che si trova sul fondo; la presenza di aggregati brunastri di consistenza gelatinosa in sospensione che in superficie possono anche presentarsi in forma di schiume di color bruno rossiccio; l’opalescenza dell’acqua.

ore: 12:39 | 

comments powered by Disqus