ore:  14:34 | Coronavirus: TOSCANA – 90 nuovi casi, 1 decesso, 93 guarigioni

ore:  13:02 | allerta colore Giallo per rischio idrogeologico idraulico e temporali forti a partire dalle ore 13.00 Mercoledì, alle ore 23.59 Giovedì, 24 Settembre 2020

ore:  14:57 | Codice giallo per pioggia e temporali fino alla mezzanotte di domani

ore:  13:02 | Maltempo, codice giallo per temporali forti fino alle 20 di oggi

ore:  11:34 | ALLERTA maltempo elevata ad ARANCIONE dalle 18 di oggi alle 13 di domani, domenica

venerdì, 26 giugno, 2015

http://www.antenna3.tv/2015/06/26/contrordine-il-luna-park-rimarra-a-carrarafiere/

Mediavideo Antenna3

Contrordine: il Luna Park rimarrà a Carrarafiere

di  Redazione web

luna parkIl Luna park resta a Carrara fiere ma trasloca nella zona monti dell’area. E’ questa la soluzione che hanno messo a punto amministrazione e gestori per superare il problema dell’inquinamento acustico. Avrebbe dovuto spostarsi di qualche chilometro, a Marina Est e invece alla fine è stato sufficiente percorrere qualche centinaio di metri, all’interno del sito che da decenni ospita giostre e attrazioni.

E’ la soluzine adottata per per superare il problema dell’inquinamento acustico prodotto dalle attrazioni e che ormai da diverse stagioni aveva messo sul piede di guerra i residenti della zona.

Le proteste erano state così veementi che, a metà maggio, era stata ventilata l’ipotesi di trasferire il Luna Park nel piazzale antistante il molo di levante, a Marina Est.

Una soluzione poi accantonata perché, spiega Fiorello Lazzeri, storico gestore dell’appuntamento estivo «i regolamenti del Comune prevedono che la zona di pubblico spettacolo sia a Carrarafiere e in particolare nell’area dove ci siamo insediati quest’anno».

La sistemazione sul lato nord del polo fieristico, quello all’angolo tra via Bassagrande e via Maestri del Marmo sarebbe dunque quella “ufficiale” e a norma di regolamento: lo spazio a disposizione, spiegano dal Luna Park sarà leggermente inferiore e per questo i gestori hanno dovuto rinunciare a un paio di giostre.

«Abbiamo levato quelle più contestate, quelle prese di mira dai residenti ma voglio sottolinearlo, non è colpa nostra se nelle passate stagioni sono stati sforati i limiti di inquinamento acustico previsti dalla legge» afferma Lazzeri, certo che quelle soglie saranno superate anche senza le sue giostre.

Intanto i residenti di via Bassagrande, non appena si sono visti installare le attrazioni sotto casa, sono scesi sul piede di guerra: «Non possiamo combattere contro i pregiudizi. Non abbiamo ancora iniziato e già dicono che diamo noia. Se vogliono un cimitero ce lo dicano e andiamo via, ma non si lamentino poi se i villeggianti non vengono più» attaccano dal Luna Park.

E per sostenere la causa di giostre e attrazioni Fiorello Lazzeri snocciola alcune cifre: «Abbiamo fatto una stima. Al Luna Parl lavorano 50 famiglie per un totale di 250 persone. Tutti vivono e spendono i loro soldi su questo territorio. Numeri alla mano, durante i nostri due mesi di attività, lasciamo 1000 euro a persona… mi pare che sia un buon contributo».

E così dai gestori parte l’appello alla città: domani si apriranno le porte del Luna Park, con tutte le attrazioni a un euro

 

il tirreno

ore: 19:35 | 

comments powered by Disqus