ore:  11:45 | Maltempo, codice giallo per temporali e rischio idrogeologico per tutta la regione

ore:  10:55 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti dalle ore 22.00 di Giovedì 15 Ottobre alle ore 10.00 di Venerdì 16 Ottobre 2020

ore:  12:40 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore dalle ore 18.00 di Mercoledì 14 Ottobre alle ore 13.00 di Giovedì 15 Ottobre 2020

ore:  14:14 | Esteso a domani allerta meteo di codice ‘giallo’. Attesi anche forti venti nell’area fiorentina

ore:  13:40 | allerta colore giallo per rischio idrogeologicoidraulico- temporali forti -mareggiate e vento a partire dalle ore 20.00 Martedì, 06 Ottobre alle ore 12.00 Mercoledì, 07 Ottobre 2020

martedì, 26 maggio, 2015

http://www.antenna3.tv/2015/05/26/precisazioni-del-direttore-generale-dellasl1-maria-teresa-de-lauretis-sul-futuro-dei-servizi-territoriali-successivamente-allapertura-del-nuovo-ospedale-a-massa/

Mediavideo Antenna3

Precisazioni del Direttore Generale dell’Asl1 Maria Teresa De Lauretis sul futuro dei servizi territoriali successivamente all’apertura del nuovo ospedale a Massa

di  Redazione web

de lauretiisRitengo utile intervenire in merito alle preoccupazioni recentemente emerse sulla stampa sul futuro dei servizi territoriali successivamente all’apertura del nuovo ospedale a Massa.
Innanzitutto premetto che nessuno dei servizi erogati negli attuali presidi ha valenza distrettuale e pertanto non è da collocare in una Casa della Salute neanche complessa.

I servizi specialistici a valenza zonale o aziendale, attualmente collocati nei presidi ospedalieri, come ad esempio la dialisi, la endoscopia digestiva, l’endocrinologia, la reumatologia, la medicina nucleare, etc. saranno ricollocati in maniera complementare tra il nuovo ospedale di Massa ed il Polo specialistico diurno di Carrara come sempre è stato scritto negli atti di programmazione della Conferenza dei Sindaci e confermato nell’ultimo PAL approvato nel 2013, cui si rimanda anche per l’individuazione dei servizi che invece devono trovare collocazione nei distretti/case della salute.

Ci sarà quindi un travaso tra i due presidi che i Capi Dipartimento e la Direzione Ospedaliera stanno completando sul piano tecnico, con l’eliminazione graduale dei vari doppioni, ed è al loro interno che tutti i servizi attuali saranno ricollocati senza necessità di spazi ulteriori. Si ricorda ancora una volta che nel nuovo ospedale a Massa gran parte del piano terreno è dedicato ad attività specialistica e diagnostica per non ricoverati, acuti e cronici.

L’evoluzione degli attuali distretti in Case della Salute complesse, standard o di base, cioè in strutture che vedono valorizzata la presenza ed il ruolo dei Medici di Medicina Generale è un processo che investe tutta l’azienda e nasce dalla generale evoluzione dei bisogni dei cittadini.

La sede di Via Bassa Tambura con i suoi oltre 3.000 mq analoghi a quelli a suo tempo stimati per la nuova sede in zona stazione, ha tutti i requisiti per essere organizzata come Casa della Salute complessa, da mettere in rete con le altre Case della Salute di base o standard.

Nel frattempo in previsione dell’apertura del nuovo ospedale che ha circa 10 posti in meno degli attuali presidi, l’azienda per favorire dimissioni tempestive, ha aumentato di oltre il 10% l’assistenza domiciliare, ha raddoppiato i posti letto di cure intermedie, ed è intenzionata ad offrirne altri 10 in coincidenza con l’apertura effettiva.

ore: 19:07 | 

comments powered by Disqus