ore:  11:45 | Maltempo, codice giallo per temporali e rischio idrogeologico per tutta la regione

ore:  10:55 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti dalle ore 22.00 di Giovedì 15 Ottobre alle ore 10.00 di Venerdì 16 Ottobre 2020

ore:  12:40 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore dalle ore 18.00 di Mercoledì 14 Ottobre alle ore 13.00 di Giovedì 15 Ottobre 2020

ore:  14:14 | Esteso a domani allerta meteo di codice ‘giallo’. Attesi anche forti venti nell’area fiorentina

ore:  13:40 | allerta colore giallo per rischio idrogeologicoidraulico- temporali forti -mareggiate e vento a partire dalle ore 20.00 Martedì, 06 Ottobre alle ore 12.00 Mercoledì, 07 Ottobre 2020

sabato, 16 maggio, 2015

http://www.antenna3.tv/2015/05/16/tir-distrugge-lilluminazione-della-galleria-traffico-bloccato-sulla15/

Mediavideo Antenna3

Tir distrugge l’illuminazione della galleria: traffico bloccato sull’A15

di  Redazione web

galleria autostradaTraffico bloccato ieri sera per oltre un’ora sulla corsia nord dell’A15 della Cisa: un camionista alla guida di un Tir è entrato all’interno della galleria Cuccaro senza valutare bene l’altezza della gru caricata sopra il rimorchio. In pochi secondi la grossa benna ha distrutto le luci dell’illuminazione attaccate al soffitto: buona parte della galleria è così rimasta al buio mentre pezzi di vetro e plastica si sono sparsi sulla carreggiata. Necessario l’intervento di una squadra di elettricisti chiamati da Autocisa per ripristinare l’illuminazione, sul posto anche una pattuglia della polizia stradale di Pontremoli. Il singolare incidente ha provocato il blocco della circolazione sull’autostrada in direzione nord, sul posto si è formata una coda lunga più di 3 chilometri. Il traffico è poi ripreso dopo oltre un’ora, quando la strada è stata liberata dai pezzi di plafoniere e l’illuminazione ripristinata. Illeso il camionista che ha causato l’incidente.

 

 

 

il tirreno

ore: 11:59 | 

comments powered by Disqus