ore:  11:45 | Maltempo, codice giallo per temporali e rischio idrogeologico per tutta la regione

ore:  10:55 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti dalle ore 22.00 di Giovedì 15 Ottobre alle ore 10.00 di Venerdì 16 Ottobre 2020

ore:  12:40 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore dalle ore 18.00 di Mercoledì 14 Ottobre alle ore 13.00 di Giovedì 15 Ottobre 2020

ore:  14:14 | Esteso a domani allerta meteo di codice ‘giallo’. Attesi anche forti venti nell’area fiorentina

ore:  13:40 | allerta colore giallo per rischio idrogeologicoidraulico- temporali forti -mareggiate e vento a partire dalle ore 20.00 Martedì, 06 Ottobre alle ore 12.00 Mercoledì, 07 Ottobre 2020

mercoledì, 8 aprile, 2015

http://www.antenna3.tv/2015/04/08/carrione-via-i-sigilli-dai-lotti-12-e-3-intanto-si-allarga-la-lista-degli-indagati/

Mediavideo Antenna3

CARRIONE: VIA I SIGILLI DAI LOTTI 1,2 E 3. INTANTO SI ALLARGA LA LISTA DEGLI INDAGATI.

di  Redazione web

all argine carrioneLA PROCURA STAREBBE PER DISSEQUESTRARE I LOTTI DEL CARRIONE A RIDOSSO DELLA FOCE. SECONDO INDISCREZIONE I REATI IPOTIZZATI NELL’AMBITO DELL’INCHIESTA SULLE MODALITA’ DI CORSTRUZIONE DEGLI ARGINI DEL TORRENTE SAREBBERO GIA’ PRESCRITTI. INTANTO SI ALLARGA LA LISTA DEGLI INDAGATI.

I sigilli apposti dalla procura ai lotti 1, 2 e 3 degli argini del Carrione avrebbero vita breve. Secondo fonti accreditate, la Procura starebbe per dissequestrare le sponde del torrente più prossime al mare, e più precisamente i primi tre lotti, dalla foce a monte. Dopo il 5 novembre, oltre all’inchiesta sul crollo della sponda in via argine destro, la procura aveva aperto un altro filone di indagini per verificare se anche sul resto dell’asta del torrente potessero esserci state problematiche in merito alla costruzione degli argini. E così praticamente su tutto il tratto a valle del Carrione erano spuntati i sigilli, con il sequestro ininterrotto dei lotti dall’1 al 10, ovvero dalla foce a via Brigate Partigiane in località Nazzano. Adesso però la Procura starebbe per dissequestrare le sponde situate in prossimità della foce e questo non perchè gli inquirenti hanno fatto chiarezza sulle modalità di costruzione ed escluso ogni ipotesi di reato. Piuttosto, essendo i lotti dall’1, 2 e 3 quelli di più vecchia realizzazione, ed essendo stati edificati più di 6 anni fa, i reati eventualmente commessi durante i lavori sarebbero già prescritti. Per ora si tratta solo di indiscrezioni ma la conferma della procura non dovrebbe tardare ad arrivare. Intanto le indagini procedono: l’incidente probatorio, con le prove “irripetibili” ovvero i test distruttivi sulla sponda crollata il 5 novembre, è stato rinviato perchè nel frattempo la lista degli indagati si è allungata. Ma, sempre secondo fonti accreditate questo esame, decisivo per l’esito dell’inchiesta, dovrebbe tenersi a stretto giro e comunque entro il mese di aprile

ore: 18:19 | 

comments powered by Disqus