ore:  11:45 | Maltempo, codice giallo per temporali e rischio idrogeologico per tutta la regione

ore:  10:55 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti dalle ore 22.00 di Giovedì 15 Ottobre alle ore 10.00 di Venerdì 16 Ottobre 2020

ore:  12:40 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore dalle ore 18.00 di Mercoledì 14 Ottobre alle ore 13.00 di Giovedì 15 Ottobre 2020

ore:  14:14 | Esteso a domani allerta meteo di codice ‘giallo’. Attesi anche forti venti nell’area fiorentina

ore:  13:40 | allerta colore giallo per rischio idrogeologicoidraulico- temporali forti -mareggiate e vento a partire dalle ore 20.00 Martedì, 06 Ottobre alle ore 12.00 Mercoledì, 07 Ottobre 2020

domenica, 5 aprile, 2015

http://www.antenna3.tv/2015/04/05/ubriachi-in-bici-dentro-al-mc-donalds-colpito-a-calci-e-pugni-un-dipendente/

Mediavideo Antenna3

Ubriachi in bici dentro al Mc Donald’s: colpito a calci e pugni un dipendente

di  Redazione web

mcdonaldsMomenti di terrore fra venerdì e sabato notte al Mc Donald’s di Massa.

Ubriachi  sono entrati in quattro bici dentro al locale sulla via Aurelia e  ferito al volto con  pugni e calci un dipendente di 25 anni.

L’aggressione è avvenuto nella notte tra venerdì e sabato al Mc Donald’s di Massa, dove 4 giovani si sono accaniti contro uno dei dipendenti, un 25enne di Massa, che  stato trasportato in ospedale con il naso e gli zigomi rotti. Per lui la prognosi di 30 giorni

Secondo una prima ricostruzione, vicino all’orario di chiusura, i quattro hanno fatto irruzione all’interno del Mc Donald’s, entrando nel locale con delle biciclette, probabilmente ubriachi. I dipendenti hanno cercato di farli uscire: ne  nata una colluttazione, sembra piuttosto feroce.

Contro il dipendente , in particolare, i quattro si sono accaniti con pugni e calci sul volto, lasciandolo a terra mentre fuggivano. Sul posto sono intervenuti i carabinieri che ora proseguono le ricerche degli aggressori

ore: 20:36 | 

comments powered by Disqus