ore:  11:45 | Maltempo, codice giallo per temporali e rischio idrogeologico per tutta la regione

ore:  10:55 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti dalle ore 22.00 di Giovedì 15 Ottobre alle ore 10.00 di Venerdì 16 Ottobre 2020

ore:  12:40 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore dalle ore 18.00 di Mercoledì 14 Ottobre alle ore 13.00 di Giovedì 15 Ottobre 2020

ore:  14:14 | Esteso a domani allerta meteo di codice ‘giallo’. Attesi anche forti venti nell’area fiorentina

ore:  13:40 | allerta colore giallo per rischio idrogeologicoidraulico- temporali forti -mareggiate e vento a partire dalle ore 20.00 Martedì, 06 Ottobre alle ore 12.00 Mercoledì, 07 Ottobre 2020

venerdì, 3 aprile, 2015

http://www.antenna3.tv/2015/04/03/rogo-distrugge-tre-auto-al-quartiere-dei-poggi-di-massa/

Mediavideo Antenna3

Rogo distrugge tre auto al quartiere dei Poggi di Massa

di  Redazione web

auto incendiata poggiTre auto distrutte dalle fiamme in via Donne Partigiane nella zona dei Poggi di Massa. L’incendio si è scatenato nella notte, attorno alle 3 (la notte fra il 2 e il 3 aprile) ed è stato violento. Fumo, bagliori e l’odore della gomma bruciata hanno svegliaot l’intero quartiere. I vigili del fuoco sono accorsi a tutta velocità, ma salvare le vetture è stato impossibile. Ad andare a fuoco sono state una Toyota Yaris il cui proprietario è in questi giorni ricoverato in ospedale; una Lancia Musa di un pensionato e una Ford Fiesta semi-nuova, il giovane titolare ha riferito di avere appena finito di pagare le rate. Ingenti i danni: le fiamme hanno distrutto i motori e buona parte degli interni; le tre auto sono in pratica da buttare. Pochi dubbi della polizia sull’origine non casuale deel rogo.

Qualcuno – è quasi certo – ha appiccato il fuoco alle tre vetture che erano parcheggiate in fila una dietro l’altra (e per questo è difficile che le fiamme possano essersi èpropagate da una all’altra). Sulle ragioni di questo “attentato”, però, ci sono pochi riscontri. Dagli elementi raccolti, gli inquirenti propendono per lo sconsiderato gesto di qualche vandalo, ma non si esclude che dietro all’episodio possano esserci ragioni di vendetta o di intimidazione.

 

 

il tirreno

ore: 11:36 | 

comments powered by Disqus