ore:  11:45 | Maltempo, codice giallo per temporali e rischio idrogeologico per tutta la regione

ore:  10:55 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti dalle ore 22.00 di Giovedì 15 Ottobre alle ore 10.00 di Venerdì 16 Ottobre 2020

ore:  12:40 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore dalle ore 18.00 di Mercoledì 14 Ottobre alle ore 13.00 di Giovedì 15 Ottobre 2020

ore:  14:14 | Esteso a domani allerta meteo di codice ‘giallo’. Attesi anche forti venti nell’area fiorentina

ore:  13:40 | allerta colore giallo per rischio idrogeologicoidraulico- temporali forti -mareggiate e vento a partire dalle ore 20.00 Martedì, 06 Ottobre alle ore 12.00 Mercoledì, 07 Ottobre 2020

mercoledì, 25 marzo, 2015

http://www.antenna3.tv/2015/03/25/isis-perquisita-labitazione-di-un-tunisino-a-massa/

Mediavideo Antenna3

Isis, perquisita l’abitazione di un tunisino a Massa

poliziaSi trova a Massa l’abitazione di un cittadino di nazionalità tunisina perquisita all’alba di oggi dalla polizia nell’ambito dell’operazione nazionale”Balkan comnnection”  che ha portato all’arresto di tre persone, ritenute cellula dell’estremismo islamico operante tra l’Italia e i Balcani. Sul supporto dato dalla questura di Massa alla Digos della questura di Brescia  viene mantenuto il più stretto riserbo. L’esito della perquisizione svolta a Massa non ha fatto emergere elementi tali da portare ad altri arresti.

“Balkan connection” è  coordinata dal servizio centrale antiterrorismo della direzione centrale della Polizia di Prevenzione/Ucigos e condotta dalla Digos di Brescia con il concorso delle questure di Torino, Como e Massa Carrara. L’ipotesi investigativa è che la “cellula” si occupasse di reclutare aspiranti combattenti per il califfato. Gli arresti, disposti dal gip del tribunale di Brescia, riguardano confronti di due cittadini albanesi, zio e nipote: il primo è residente in Albania mentre il secondo vive in provincia di Torino. Vive in provincia di Torino anche il terzo arrestato: un cittadino italiano di circa vent’anni  di origine marocchina.

L’accusa ipotizzata per i due albanesi è di reclutamento con finalità di terrorismo. Al ventenne italiano viene  contestata l’apologia di delitti di terrorismo, aggravata dall’uso di internet. Sarebbe lui  l’autore di un documento di propaganda dell’Isis ‘Lo stato islamico, una realtà che ti vorrebbe comunicare”, 64  pagine in italiano, apparso  sul web. Il documento risale al novembre 2014.  I tre arrestati, secondo gli inquirenti, erano in contatto, telefonico e via facebook, con un italo marocchino residente a Vobarno in provincia di Brescia, inserito nella lista dei 65 “foreign fighters” italiani, partito dal nostro paese  nel settembre 2013   per unirsi all’Isis e che prima di trasferirsi in Siria aveva fatto tappa in Albania.

 

 

 

la nazione

ore: 11:00 | 

comments powered by Disqus