ore:  15:12 | Maltempo, codice arancione per temporali, vento e mareggiate dalle 18 di oggi, giovedì, alle 20 di sabato 26 settembre

ore:  14:34 | Coronavirus: TOSCANA – 90 nuovi casi, 1 decesso, 93 guarigioni

ore:  13:02 | allerta colore Giallo per rischio idrogeologico idraulico e temporali forti a partire dalle ore 13.00 Mercoledì, alle ore 23.59 Giovedì, 24 Settembre 2020

ore:  14:57 | Codice giallo per pioggia e temporali fino alla mezzanotte di domani

ore:  13:02 | Maltempo, codice giallo per temporali forti fino alle 20 di oggi

giovedì, 12 marzo, 2015

http://www.antenna3.tv/2015/03/12/e-morto-lex-sindaco-giulio-conti-si-e-spento-stamani-alleta-di-78-anni-dopo-al-termine-di-una-malattia/

Mediavideo Antenna3

E’ MORTO L’EX SINDACO GIULIO CONTI SI E’ SPENTO STAMANI ALL’ETA’ DI 78 ANNI DOPO AL TERMINE DI UNA MALATTIA

di  Redazione web

giulio contiDel carrarino doc aveva il carattere burbero e determinato, oltre a un accento marcato, reso ancor più singolare da una inconfondibile “erre moscia”: si è spento ieri mattina all’età di 78 anni Giulio Conti. Sindaco della città di Carrara dal 2002 al 2007, presidente della camera di Commercio dal 1999 al 2002 e fondatore dell’Internazionale Marmi e Macchine di cui fu il primo presidente, ancor prima degli incarichi istituzionali si era affermato nel mondo del lapideo fondando con il fratello Giorgio, la Red Graniti, vero e proprio colosso internazionale della lavorazione e del commercio del granito.

Un personaggio forte, a tratti discusso, sia per la sua attività imprenditoriale – lo scorso marzo era stato assolto, per non aver commesso il fatto, dall’accusa di bancarotta fraudolenta, nell’ambito del processo sul fallimento delle ditte La.Gran e Insegra – sia per quella politica: eletto sindaco nelle file dei Democratici di Sinistra, non era mai stato un “uomo di partito” né un politico puro.

Fu lui, nel 2003, a posare la prima pietra della Strada dei Marmi e a fronteggiare le contestazioni per il tracciato scelto e soprattutto quelle sulle modalità di finanziamento dell’opera, che molti in città avrebbero voluto fosse “pagata” dai soli industriali; fu ancora lui, durante l’ennesima crisi dei Nuovi Cantieri Apuania, davanti alla minaccia di una chiusura della fabbrica a pronunciare la frase «bocce ferme», facendo capire chiaramente che la sua amministrazione avrebbe fatto di tutto pur di salvare quell’azienda; fu anche lui, con la sua amministrazione, a mettere mano al Regolamento degli Agri Marmiferi varato dall’amministrazione Fazzi Contigli effettuando modifiche che, secondo qualcuno – ambientalisti in primis – avrebbero favorito gli industriali e l’escavazione selvaggia. Discusso, dicevamo, come spesso capita ai personaggi forti, da tempo si era allontanato dalla vita pubblica della città: rimasto vedovo di Lina Ussi, dalla quale aveva avuto tre figli – Marco, Patrizia e Manuela – da qualche anno era malato e le sue condizioni si erano aggravate negli ultimi giorni.

La notizia della sua scomparsa ha suscitato il cordoglio di un’intera città con tantissimi messaggi anche da parte dei rappresentanti delle istituzioni: «Un uomo che ha saputo sempre distinguersi in tutti i contesti in cui ha operato portando sempre un grande contributo di idee, di entusiasmo e di capacità indiscusse. Ha lasciato una traccia profonda nella città grazie alla sua capacità di analizzare il presente e di guardare lontano» ha scritto il sindaco Angelo Zubbani alla famiglia. 

ore: 18:49 | 

comments powered by Disqus