ore:  11:45 | Maltempo, codice giallo per temporali e rischio idrogeologico per tutta la regione

ore:  10:55 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti dalle ore 22.00 di Giovedì 15 Ottobre alle ore 10.00 di Venerdì 16 Ottobre 2020

ore:  12:40 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore dalle ore 18.00 di Mercoledì 14 Ottobre alle ore 13.00 di Giovedì 15 Ottobre 2020

ore:  14:14 | Esteso a domani allerta meteo di codice ‘giallo’. Attesi anche forti venti nell’area fiorentina

ore:  13:40 | allerta colore giallo per rischio idrogeologicoidraulico- temporali forti -mareggiate e vento a partire dalle ore 20.00 Martedì, 06 Ottobre alle ore 12.00 Mercoledì, 07 Ottobre 2020

venerdì, 20 febbraio, 2015

http://www.antenna3.tv/2015/02/20/neonato-morto-i-consulenti-mettono-nei-guai-il-medico/

Mediavideo Antenna3

Neonato morto, i consulenti mettono nei guai il medico

di  Redazione web

ospedaleDopo il primo tracciato, che già evidenziava una situazione da tenere sotto controllo, la donna era stata invitata dal ginecologo di turno quella notte all’Opa a tornare dopo qualche ora perché il bimbo non era ancora pronto. Così lei insieme al marito è tornata in auto e ha fatto una passeggiata prima di ripresentarsi: nel secondo tracciato si comincia a vedere una certa sofferenza, ma la situazione era ancora al limite e quindi non c’era bisogno, secondo il medico, di effettuare un cesareo. Invece quel neonato stava morendo prima ancora di lanciare il suo primo vagito. Una gioia che si è trasformata in un dolore tremendo per una mamma e un papà che aspettavano quel momento da oltre quaranta settimane. Per questo motivo lo specialista Roberto Marrai è sotto processo.
Il giudice Fabrizio Garofalo ha sentito due consulenti, di accusa e parte civile. Tutto verteva sui due tracciati effettuati quella notte all’Opa. Decifrandoli il tribunale dovrà decidere se Marrai è colpevole oppure no. Ovvero il medico ha rispettato le linee guida del protocollo di intervento? Quello che dicono i periti è che c’era una lieve tachicardia che doveva essere monitorata, senza dire alla paziente di allontanarsi. Marrai, difeso dall’avvocato Andrea Verona, spiegherà quello che è accaduto quella notte nella prossima udienza, venerdì 17 aprile. Quello che sostiene il ginecologo è che la situazione è precipitata all’improvviso. Tanto che poi quando è stato fatto il cesareo ormai il piccolo aveva smesso di vivere.
Per il pubblico ministero Massimo Pennacchi e per i legali che rappresentano le parti civili – i genitori, il fratellino e i nonni – il processo sta tutto in quelle tre ore, dalle 3 a dopo le sei, in cui per la donna non è scattato il ricovero. Ricovero che, secondo gli avvocati, sarebbe dovuto avvenire subito, visto che aveva superato la quarantunesima settimana di gravidanza. Per il legale della difesa invece pesa l’incidente probatorio che servirà anche al giudice Garofalo a chiarire molti aspetti della vicenda, ed eventualità e ulteriori responsabilità in merito all’accaduto. Il cesareo non è stato fatto da Marrai, ma dai colleghi del turno successivo al suo. Ma non sono stati indagati. I consulenti hanno cercato di fare chiarezza, ora tocca all’imputato.
il tirreno

ore: 17:34 | 

comments powered by Disqus