ore:  11:45 | Maltempo, codice giallo per temporali e rischio idrogeologico per tutta la regione

ore:  10:55 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti dalle ore 22.00 di Giovedì 15 Ottobre alle ore 10.00 di Venerdì 16 Ottobre 2020

ore:  12:40 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore dalle ore 18.00 di Mercoledì 14 Ottobre alle ore 13.00 di Giovedì 15 Ottobre 2020

ore:  14:14 | Esteso a domani allerta meteo di codice ‘giallo’. Attesi anche forti venti nell’area fiorentina

ore:  13:40 | allerta colore giallo per rischio idrogeologicoidraulico- temporali forti -mareggiate e vento a partire dalle ore 20.00 Martedì, 06 Ottobre alle ore 12.00 Mercoledì, 07 Ottobre 2020

lunedì, 26 gennaio, 2015

http://www.antenna3.tv/2015/01/26/la-pubblica-amministrazione-non-paghera-piu-liva-ai-fornitori-ma-la-versera-allo-stato-allarme-confartigianato/

Mediavideo Antenna3

La pubblica amministrazione non pagherà più l’iva ai fornitori ma la verserà allo stato.Allarme confartigianato

di  Redazione web

ivaE’ allarme IVA per le imprese che eseguono appalti di lavori pubblici dopo l’inserimento, alla chetichella, della norma, nella Legge di Stabilità. La norma in questione si chiama ‘Split Payment’, letteralmente ‘spacca il pagamento’, anche se in realtà ad essere spaccate sono le gambe delle imprese, grandi e piccole che siano.

Essa prevede che da quest’anno le Pubbliche Amministrazioni non paghino più alle aziende l’Iva sulle fatture ricevute per forniture di beni e servizi, ma che la versino direttamente all’erario.

Facciamo l’esempio di un’azienda che fattura di imponibile 100.000 euro nei confronti della P.A.; fino all’entrata della scellerata disposizione, questa azienda avrebbe regolarmente incassato i 22.000 euro di Iva, che sarebbero andati a reintegrare l’Iva che l’azienda paga, a sua volta, ai suoi fornitori. Ora invece, l’azienda dovrà comunque continuare a pagare l’Iva ai suoi fornitori, senza però vedersi pagata quella che gli spetta dalla Pubblica Amministrazione.

In sostanza, lo Stato si è fatto una norma su misura per poter avere sempre liquidità nelle proprie casse a spese delle imprese. Queste, con i tempi biblici previsti per i rimborsi, con gli intoppi burocratici e con i decreti attuativi della norma ancora mancanti, si ritroveranno nei guai.

Questa incredibile e paradossale situazione andrà a pesare soprattutto sulle spalle delle piccole imprese, già sofferenti a causa dell’impossibilità di accedere ai crediti bancari e dai tempi di pagamento lunghi anche otto mesi da parte delle pubbliche amministrazioni.

Ora arriva anche questa norma killer ad aumentare la pressione sulle imprese già vessate da molteplici difficoltà.

La Confartigianato provinciale, tramite il proprio Segretario Generale, Dr. Gianfranco Oligeri, ha rappresentato la situazione alla propria Confederazione, riscontrando totale consapevolezza della rilevante problematica, rispetto alla quale è previsto, a breve, un apposito incontro con il Ministro Lupi ed il Sottosegretario Del Rio, per richiedere la soppressione di tale normativa trovando soluzioni alternative.

ore: 10:14 | 

comments powered by Disqus