ore:  11:45 | Maltempo, codice giallo per temporali e rischio idrogeologico per tutta la regione

ore:  10:55 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti dalle ore 22.00 di Giovedì 15 Ottobre alle ore 10.00 di Venerdì 16 Ottobre 2020

ore:  12:40 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore dalle ore 18.00 di Mercoledì 14 Ottobre alle ore 13.00 di Giovedì 15 Ottobre 2020

ore:  14:14 | Esteso a domani allerta meteo di codice ‘giallo’. Attesi anche forti venti nell’area fiorentina

ore:  13:40 | allerta colore giallo per rischio idrogeologicoidraulico- temporali forti -mareggiate e vento a partire dalle ore 20.00 Martedì, 06 Ottobre alle ore 12.00 Mercoledì, 07 Ottobre 2020

martedì, 13 gennaio, 2015

http://www.antenna3.tv/2015/01/13/bimbo-di-9-anni-fino-all-1-15-di-notte-al-pronto-soccorso/

Mediavideo Antenna3

Bimbo di 9 anni fino all’ 1.15 di notte al pronto soccorso

di  Redazione web

ospedale massa prontosoccorsoMatteo, disabile, era arrivato alle 17.43 in ospedale

Non si placano le polemiche per le infinite ore di attesa che i pazienti sono costretti ad aspettare al pronto soccorso di Massa prima di essere visitati.

E ancora una volta a denunciare il disagio è un genitore di un bambino di soli 9 anni che, a seguito di una caduta mentre stava giocando a calcio, si è dovuto recare all’ ospedale per far fare a suo figlio una radiografia alla mano.

Matteo, il nome del piccolo, è un bimbo rimasto disabile a seguito di un incidente stradale nel 2008 e quindi la sua salute è già a cose normali compromessa.

<<Ho aspettato dalle 17.43 fino 20.30 in sala d’ attesa al pronto soccorso di Massa solo per far registrare mio figlio nel computer, afferma Luca, perché il personale medico ed infermieristico era completamente in tilt per le tante persone che ancora dovevano essere visitate. Il mio bimbo, che è disabile, aveva un dolore alla mano che si stava gonfiando a vista d’occhio e oltre a non essermi stato dato neanche un po’ di ghiaccio nessuno lo ha potuto visitare. A prescindere, continua Luca, che i bambini dovrebbero avere una corsia preferenziale o almeno una stanza riservata solo a loro e non in mezzo agli adulti malati, nessuno prima delle 2 di notte avrebbe potuto guardalo. A quel punto alle 23.30 mi sono recato all’ ospedale di Carrara, perché all’ Opa senza il foglio di registrazione non potevo andare>>.

Anche a Carrara però il pronto soccorso era intasato e il mio bambino alla fine è stato visitato all’ 1.15 di notte. Diagnosi radiografica: dito rotto.

Ovviamente, conclude Luca, l’ortopedico non c’era e allora siamo tornati a casa e solo nella tarda mattina verso le 10, siamo nuovamente tornati in ospedale per fare steccare il dito al piccolo Matteo.

ore: 20:12 | 

comments powered by Disqus