ore:  12:57 | Vento, codice giallo in Toscana fino a domani 26 febbraio

ore:  13:23 | Codice giallo per ghiaccio e neve fino a martedì 11 gennaio

ore:  16:34 | Allerta meteo, lunedì 10 gennaio codice giallo per neve e vento

ore:  13:45 | AGGIORNAMENTO – allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, attualmente in corso fino alle ore 22:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

ore:  12:48 | Allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, a partire dalle ore 10:00 fino alle ore 18:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

lunedì, 29 dicembre, 2014

http://www.antenna3.tv/2014/12/29/gaia-inaugura-il-depuratore-lavello-2/

Mediavideo Antenna3

GAIA INAUGURA IL DEPURATORE “LAVELLO 2”

di  Redazione web

lattanzi nicola gaiaUn nuovo depuratore, che garantirà migliori standard depurativi, e, dopo il completamento dei lavori- tra gennaio e febbraio 2015- e le opportune procedure di collaudo, consentirà di dismettere definitivamente l’impianto di depurazione delle Querce, ormai obsoleto e inadeguato. L’impianto di depurazione “Lavello 2”, inaugurato stamani alla presenza del Sindaco Alessandro Volpi e del Presidente di GAIA S.p.A. Nicola Lattanzi, è realizzato in area ex-Cersam, al confine tra i comuni di Carrara e Massa.

Ha dichiarato il Presidente Lattanzi: “L’impianto Lavello 2 permette di superare le criticità strutturali  del vecchio impianto, pertanto oggi diamo notizia del nuovo sito con particolare soddisfazione, sono stati investiti circa 8,5 milioni di Euro. Il giorno 24 dicembre è stato firmato il contratto di finanziamento con le banche da 48 milioni (30 milioni di medio lungo e 18 milioni per anticipo bollette) che hanno consentito alla Società di far fronte agli impegni assunti nei confronti degli utenti, dei fornitori, dei Comuni Soci. Il percorso di riequilibrio finanziario è ancora lungo; il passo successivo ci vedrà impegnati nella negoziazione di un finanziamento strutturato per poter avviare gli investimenti programmati.”

Lavello 2 è un depuratore a fanghi attivi a biomassa sospesa, dotato di comparto di pre-denitrificazione per l’abbattimento dei nitrati. I reflui che arrivano all’impianto provengono da Massa e da una larga parte di Marina di Massa. Con la prossima chiusura delle Querce vi sarà convogliata anche la gran parte dei reflui del Comune di Montignoso, sprovvisto di propri impianti di depurazione.

I lavori sull’impianto, inclusi nel Piano Stralcio regionale per la depurazione, di cui alla L.R. 28/2010, hanno elevato la potenzialità dell’impianto dagli originari 60.000 AE (Abitante Equivalente) agli attuali 120.000 AE.

In particolare, sono stati eseguiti i seguenti lavori:

– è stato raddoppiato il comparto di grigliatura fine e dissabbiatura;

– è stata realizzata una vasca per la laminazione delle portate di pioggia;

– è stato raddoppiato il comparto di denitrificazione;

– la potenzialità del comparto di ossidazione è aumentata del 50%, mentre il comparto di sedimentazione secondaria è addirittura triplicato;

– è stato realizzato un sistema di trattamento terziario, dotato di filtri a disco e sistema di debatterizzazione a raggi UV;

– infine, la linea fanghi dell’impianto è stata a sua volta potenziata con la realizzazione di due nuove vasche di stabilizzazione aerobica dotate di ispessitori dinamici, l’installazione di una centrifuga per la disidratazione del fango e la realizzazione di una zona di stoccaggio fanghi opportunamente confinata.

Per consentire un efficace collettamento all’impianto potenziato di tutti i reflui che originariamente affluivano all’impianto di depurazione delle Querce, sono stati realizzati più di due km di condotte, che si aggiungono a quelli già realizzati in passato dall’Amministrazione Comunale, per un totale di oltre 5 km di nuove condotte.

I lavori descritti hanno comportato un investimento complessivo di circa 8.500.000 €, di cui circa 6.250.000 per le opere al depuratore, 2.000.000 per le nuove condotte fognarie e il potenziamento delle stazioni di sollevamento, e i rimanenti 250.000 per analisi, allontanamento delle terre di scavo, e ripristini stradali.

Nell’area dell’ex impianto resterà attiva la sola centrale di sollevamento e una tra le vecchie vasche dell’impianto, con funzioni di laminazione delle acque di pioggia, per garantire il  trattamento della portata massima pari a tre volte la portata media nera in tempo asciutto. Tutte le strutture rimanenti saranno svuotate, ripulite e sanificate e, una volta smontate e recuperate le attrezzature ancora funzionanti e avviato a smaltimento ciò che non è più recuperabile, saranno restituite all’Amministrazione Comunale per gli usi che riterrà più opportuni.

ore: 17:05 | 

comments powered by Disqus