ore:  13:33 | Emessa allerta ARANCIONE pr domani domenica dalle 6 alle 15

ore:  13:04 | BERGIOLA MAGGIORE – divieto di utilizzo dell’acqua per il consumo umano fino al ripristino dei parametri.

ore:  18:15 | Domani scuole chiuse in tutti i comuni della Lunigiana a causa dell’allerta arancione

ore:  13:24 | Allerta codice Arancio per Temporali Forti e Rischio Idrogeologico dalle ore 7 alle ore 23.59 di Giovedì 16 settembre 2021, preceduto da allerta codice giallo dalle ore 00 alle ore 7 di Giovedì 16 sttembre 2021.

ore:  14:44 | Mareggiate e vento, codice giallo su costa centro-nord e appennino orientale fino alle 24 di giovedì 5 agosto

lunedì, 22 dicembre, 2014

http://www.antenna3.tv/2014/12/22/chirurgia-estetica-io-rovinata-dal-silicone-cinquantenne-di-massa-racconta-il-suo-calvario-dopo-un-piccolo-intervento-mal-riuscito/

Mediavideo Antenna3

Chirurgia estetica: “Io, rovinata dal silicone” Cinquantenne di Massa racconta il suo calvario dopo un piccolo intervento mal riuscito:

di  Redazione web

siliconeSono passati ormai quasi 10 anni da quando, per la voglia di sentirsi meglio con se stessa e correggere un piccolo difetto estetico decise di sottoporsi ad un intervento di medicina estetica, e punture di acido ialuronico per riempire le labbra. Fu l’inizio di un calvario per Daniela Bertilorenzi oggi 50enne, ancora oggi alle prese con le conseguenze di un intervemto non riuscito.

Daniela, che lavora nel mondo dell’estetica, si era rivolta a una chirurga estetica che lavora a Carrara chiedendole di gonfiare un pochino le sue labbra senza però esagerare, creando così un effetto naturale e, soprattutto, di non usare sostanze che potessero avere effetti collaterali. Succede perà che le labbra di Daniela non riescono ad assorbire l’acido ialuronico, sostanza naturale già presente nel corpo umano. La dottoressa, a quel punto, decide di applicare del silicone. «La mia bocca, afferma Daniela, non si riempiva solo con l’acido e quindi non si riusciva ad ottenere l’effetto che io avevo chiesto Io, però, l’iniezione di silicone, non l’avevo richiesta. Spesi oltre 7 milioni delle vecchie lire, credendo di essermi messa in buone mani».

Non solo: l’intervento però scatena una reazione allergica e Daniela, torna d’ urgenza dalla chirurga che, e a quel punto, le somministra del cortisone che però non riesce a fermare l’infezione generale che era sorta dopo la seduta. Daniela a quel punto spaventata si rivolge al pronto soccorso di Massa e viene operata d’ urgenza per una setticemia.

«Ho passato dei momenti bruttissimi in cui credevo di morire, non si può rischiare la vita in questo modo. Ho voluto rendere pubblica la mia storia per lanciare un messaggio a tutte le persone che come me, per un’ insicurezza interiore decidono di farsi dei ritocchi. State attente a chi vi mette le mani addosso, perché può diventare veramente pericoloso», dice la cinquantenne, che ha citato in giudizio per danni la dottoressa che l’aveva operata.

I problemi per lei sono durati anni: per rimuovere il silicone che in tutti questi anni non si è mai riassorbito, creandole problemi oltre di salute e anche di immagine, si è rioperata da un chirurgo a Bologna. «Ho dovuto risottopormi ad un intervento, a pagamento, per togliermi tutto il silicone che avevo dentro le mie labbra. Ho sofferto tanto, spero che finalmente adesso il mio calvario sia finito», conclude Daniela.

 

 

 

il tirreno

ore: 9:19 | 

comments powered by Disqus