ore:  11:45 | Maltempo, codice giallo per temporali e rischio idrogeologico per tutta la regione

ore:  10:55 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti dalle ore 22.00 di Giovedì 15 Ottobre alle ore 10.00 di Venerdì 16 Ottobre 2020

ore:  12:40 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore dalle ore 18.00 di Mercoledì 14 Ottobre alle ore 13.00 di Giovedì 15 Ottobre 2020

ore:  14:14 | Esteso a domani allerta meteo di codice ‘giallo’. Attesi anche forti venti nell’area fiorentina

ore:  13:40 | allerta colore giallo per rischio idrogeologicoidraulico- temporali forti -mareggiate e vento a partire dalle ore 20.00 Martedì, 06 Ottobre alle ore 12.00 Mercoledì, 07 Ottobre 2020

giovedì, 18 dicembre, 2014

http://www.antenna3.tv/2014/12/18/la-direzione-asl-incontra-i-figli-di-taddeucci-per-un-reciproco-chiarimento-sul-decesso-del-padre/

Mediavideo Antenna3

La Direzione ASL incontra i figli di Taddeucci per un reciproco chiarimento sul decesso del padre

di  Redazione web

ospedale massaIeri mattina è avvenuto un incontro di approfondimento sul decesso, verificatosi presso il reparto di Medicina Uomini dell’ospedale di Massa, che è stato reso pubblico sulla stampa nei giorni scorsi.

All’incontro erano presenti la Direzione Aziendale, i medici dirigenti e il personale infermieristico rappresentato dalla capo sala, oltre ai figli del Sig. Taddeucci.
E’ stata ripercorsa l’intera vicenda, con la volontà di appurare eventuali discordanze tra quanto affermato dai parenti e quanto emerso dalla verifica interna dell’Azienda. Il chiarimento reciproco era necessario per accertare modi e tempi dell’assistenza medica e infermieristica ricevuta dal paziente stesso prima del decesso.
E’ stato chiarito, senza ombra di dubbio, che l’assistito non solo non è stato abbandonato per ore al suo letto, ma che al contrario è stato curato fino a poco prima dell’apertura del passo dei parenti, che è avvenuta intorno alle ore 12:30.
Dalle ore 11:30 alle ore 12:15, così come accertato, al paziente è stata effettuata una visita medica e una consulenza specialistica e, infine, è stata somministrata dagli infermieri la terapia.
Purtroppo, il quadro clinico del paziente era delicatissimo e, nonostante le cure adeguate, motivi cardiaci hanno provocato, nel giro di pochi minuti, l’infausta prognosi di morte improvvisa.
Il Sig, Taddeucci era in cura presso le nostre strutture da anni, ed era seguito da medici specialistici sia ospedalieri che territoriali per garantirgli la miglior vita possibile, compatibilmente alle malattie croniche che lo avevano afflitto.
Dispiace constatare come incomprensioni del genere, possano danneggiare l’immagine del lavoro svolto dai nostri professionisti ed alimentare contemporaneamente l’insoddisfazione degli assistiti.
Siamo giunti alla conclusione condivisa che è comunque auspicabile che, in casi come questi, debba essere migliorata la comunicazione sulle informazioni che regolano la permanenza dei familiari nelle strutture ospedaliere, i loro diritti e i loro doverile regole necessarie per tutelare i pazienti stessi nonchè lo svolgimento dell’adeguata assistenza sanitaria.

ore: 10:11 | 

comments powered by Disqus