ore:  12:57 | Vento, codice giallo in Toscana fino a domani 26 febbraio

ore:  13:23 | Codice giallo per ghiaccio e neve fino a martedì 11 gennaio

ore:  16:34 | Allerta meteo, lunedì 10 gennaio codice giallo per neve e vento

ore:  13:45 | AGGIORNAMENTO – allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, attualmente in corso fino alle ore 22:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

ore:  12:48 | Allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, a partire dalle ore 10:00 fino alle ore 18:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

martedì, 16 dicembre, 2014

http://www.antenna3.tv/2014/12/16/parco-alpi-apuane-via-libera-al-consuntivo-2013-con-un-avanzo-di-oltre-153-mila-euro-il-consiglio-regionale-licenzia-la-delibera-interventi-di-venturi-pd-staccioli-fdi-agresti-ncd-e-dell/

Mediavideo Antenna3

Parco Alpi Apuane: via libera al consuntivo 2013 Con un avanzo di oltre 153 mila euro il Consiglio regionale licenzia la delibera. Interventi di Venturi (Pd), Staccioli (FdI), Agresti (Ncd) e dell’assessore Bramerini

di  Redazione web

parco apuaneA maggioranza il Consiglio regionale ha approvato il conto consuntivo 2013 del Parco regionale delle Alpi Apuane, che chiude l’esercizio finanziario con un avanzo di amministrazione complessivo di oltre 153mila euro.

E’ stato il presidente della commissione Territorio ed ambiente, Gianfranco Venturi (Pd) ad illustrare l’atto, rilevando che

la gestione corrente, nel rispetto del patto di stabilità regionale, registra un avanzo di oltre 59mila euro. In particolare le entrate sono pari a circa 2 milioni, mentre i trasferimenti correnti della Regione sono di circa un milione e 177 mila euro, gli impegni di spesa 2 milioni e 62mila, mentre le spese correnti 1 milione e 346mila euro. I residui attivi ammontano a 1 milione e 676mila euro, mentre quelli passivi a 2 milioni e 128mila euro. Venturi ha precisato che è stata accolta la raccomandazione dei sindaci revisori di vincolare a scopo cautelare l’avanzo di amministrazione a copertura di alcuni crediti vantati da terzi.

Voto contrario è stato annunciato da Marina Staccioli (FdI), che ha sottolineato l’eccessiva spesa per il personale, con ventidue dipendenti ed un dirigente, e l’annoso problema delle sedi. Al riguardo Staccioli ha ricordato che il parco ha ben sei sedi ed il comune di Stazzema vuole acquistarne un’altra per stabilirvi la sede legale, mentre abitualmente gli organi del Parco si riuniscono a Massa.

Il consigliere Andrea Agresti (Ncd) ha osservato che se il piano del parco non viene licenziato dalla Regione, i bilanci da soli non bastano a garantire la funzionalità dell’ente.

“La responsabilità della mancata adozione della proposta da parte della Giunta è completamente mia” ha replicato l’assessore Anna Rita Bramerini, che “per la delicatezza e complessità del piano” ha deciso di coinvolgere altri dipartimenti nella valutazione e negli approfondimenti, in primo luogo quello per le attività estrattive. L’assessore ha precisato che, per non vanificare il lavoro fin qui svolto, nella legge sono state comunque previste specifiche norme transitorie. “Meglio un mese in più – ha concluso l’assessore – che rispettare i tempi, ma licenziare qualcosa che non ci convince”.

ore: 19:05 | 

comments powered by Disqus