ore:  13:33 | Emessa allerta ARANCIONE pr domani domenica dalle 6 alle 15

ore:  13:04 | BERGIOLA MAGGIORE – divieto di utilizzo dell’acqua per il consumo umano fino al ripristino dei parametri.

ore:  18:15 | Domani scuole chiuse in tutti i comuni della Lunigiana a causa dell’allerta arancione

ore:  13:24 | Allerta codice Arancio per Temporali Forti e Rischio Idrogeologico dalle ore 7 alle ore 23.59 di Giovedì 16 settembre 2021, preceduto da allerta codice giallo dalle ore 00 alle ore 7 di Giovedì 16 sttembre 2021.

ore:  14:44 | Mareggiate e vento, codice giallo su costa centro-nord e appennino orientale fino alle 24 di giovedì 5 agosto

lunedì, 17 novembre, 2014

http://www.antenna3.tv/2014/11/17/sette-milioni-di-incentivi-ai-comuni-che-stoppano-le-nuove-costruzioni/

Mediavideo Antenna3

Sette milioni di incentivi ai Comuni che stoppano le nuove costruzioni

di  Redazione web

casa alluvionataSette milioni, provenienti dai tagli ai costi della politica (la riduzione dalla prossima legislatura da 55 a 40 consiglieri regionali da 10 a 8 assessori), diventeranno incentivi ai Comuni che accelereranno i tempi di adeguamento dei loro piani regolatori alla nuova legge per il governo del territorio, la numero 65, che entrerà in vigore il 27 novembre prossimo. Lo ha annunciato il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, che ha tenuto una conferenza stampa assieme all’ assessore all’ urbanistica Anna Marson (molto elogiata dal governatore) per illustrate la nuova legge, definita «la prima in Italia contro il consumo del suolo».

La nuova legge è ritenuta da Rossi e dalla Marson una risposta «alla devastazione del territorio, di cui in queste settimane si contano i danni e i morti» perché in Toscana le nuove norme prevedono lo stop a nuove costruzioni fuori dai territori urbanizzati. Poiché però l’adeguamento dei piani regolatori dei comuni alla nuova legge regionale comportano tempi lunghi anche di tre-cinque anni, nonché notevoli costi per redigere le nuove carte urbanistiche, ecco che Rossi lancia una proposta ai comuni: «La Regione vi dà incentivi economici purché voi vi uniformiate alle nuove norme nei tempi più rapidi possibili». Incentivi ovviamente che verranno assegnati con specifici bandi, a partire dalle prossime settimane, appena infatti la “65” sarà funzionante.

L’altro capisaldo che Rossi e la Marson hanno evocato come misure regionali contro i rischi idrogeologici è la legge 21 approvata nel 2012 che pone vincoli di inedificabilità in zone a rischio, per la precisione, ha precisato il governatore, il 7 per cento del territorio pianeggiante, corrispondente a mille chilometri di metri quadrati.

Le leggi “65” e “21” rappresentano, oltre al piano paesaggistico ancora in attesa di essere approvato, «una svolta epocale», ha spiegato Rossi, che cercano di porre rimedio «all’assalto del cemento e all’ alleanza tra la finanza e il mattone», che hanno imperversato anche in Toscana.

 

 

il tirreno

ore: 18:45 | 

comments powered by Disqus