ore:  18:15 | Domani scuole chiuse in tutti i comuni della Lunigiana a causa dell’allerta arancione

ore:  13:24 | Allerta codice Arancio per Temporali Forti e Rischio Idrogeologico dalle ore 7 alle ore 23.59 di Giovedì 16 settembre 2021, preceduto da allerta codice giallo dalle ore 00 alle ore 7 di Giovedì 16 sttembre 2021.

ore:  14:44 | Mareggiate e vento, codice giallo su costa centro-nord e appennino orientale fino alle 24 di giovedì 5 agosto

ore:  14:59 | allerta codice giallo per rischio temporali forti dalle ore 00:00 fino alle ore 14.00 di Domenica 1 agosto 2021., mareggiate dalle ore 15,00 alle 23,59 di Domenica 1 Agosto 2021

ore:  14:13 | allerta colore giallo per temporali forti a partire dalle ore 00.00 Martedì, 27 Luglio alle ore 18.00 Martedì, 27 Luglio 2021

mercoledì, 22 ottobre, 2014

http://www.antenna3.tv/2014/10/22/la-dottoressa-rosanna-vallelonga-e-il-nuovo-direttore-della-societa-della-salute-della-lunigiana-una-nomina-nel-segno-della-continuita/

Mediavideo Antenna3

la dottoressa Rosanna Vallelonga è il nuovo direttore della Società della Salute della Lunigiana.Una nomina nel segno della continuità;

di  Redazione web

società della saluteQuesto pomeriggio nel municipio aullese, in sede di giunta esecutiva della Società della Salute della Lunigiana, il presidente Riccardo Varese ha nominato la dottoressa Rosanna Vallelonga nuovo direttore della SdS Lunigiana.

Ora si attende soltanto la convalida formale da parte della Regione Toscana.

Si tratta di una nomina nel segno della continuità, visto che la dottoressa Vallelonga è stata negli ultimi dieci anni la vice di Mario Guastalli, il direttore uscente della SdS Lunigiana, il quale andrà in pensione lunedì prossimo.

Ad introdurre i lavori della giunta esecutiva della SdS Lunigiana era il presidente Riccardo Varese, il quale spiegava che erano state esaminate otto domande per la carica di nuovo direttore e che la scelta, nel segno della continuità, era caduta su Rosanna Vallelonga.

Rivolgendosi al direttore uscente, poi Varese ricordava “quante cose sono state inaugurate in questi anni, a partire dal centro Alzheimer di Pontremoli, un ottimo operato che ci è valso il plauso dei vertici regionali.

Inoltre, il bilancio in attivo ci consentirà di trascorrere un 2015 sereno, in cui manterremo i servizi e forse riusciremo a offrire alla collettività qualcosa in più” concludeva il presidente della SdS Lunigiana, il quale lasciava spazio agli interventi dei sindaci lunigianesi e dei loro delegati.

Unanimi erano i ringraziamenti per l’operato dispiegato in questi anni da Guastalli e gli auguri di buon lavoro rivolti a Rosanna Vallelonga, che entrava nella sala giunta del municipio aullese accolta dagli applausi dei presenti.

Ad intervenire, quindi, era Mario Guastalli, il quale spiegava, facendo riferimento agli annunciati accorpamenti delle Asl toscane, che “se l’area vasta va avanti, l’unico presidio in Lunigiana rimarrà la SdS”, lasciando trasparire un pizzico di emozione nel passare il testimone a Rosanna Vallelonga e riservando parole amichevoli a Varese: “Sono persone squisite ed è la comprensione dei problemi che ci accomuna”.

Dopo Mario Guastalli era il neo direttore Vallelonga a prendere la parola, ringraziando tutti per la fiducia accordata e riservando ad un momento successivo un intervento più articolato sulla sua nomina.

Infine, ecco alcuni passaggi salienti del curriculum professionale di Rosanna Vallelonga

Nata a Zurigo il 25 novembre 1957, risiede nella frazione di Magliano di Fivizzano.

Laureata in sociologia presso l’Università degli studi di Urbino, inizia la sua esperienza lavorativa all’interno dell’Usl 1 Lunigiana nel 1981 con la mansione di assistente sociale, per poi diventare responsabile dei servizi sociali territoriali nel 1996.

Dal giugno 2005 ad oggi, fra le altre mansioni, ricopre l’incarico di coordinatore del servizio sociale di zona Lunigiana ed è vice direttore della SdS Lunigiana, con il compito di programmare il Piano Integrato di Salute (Pis) e di attuare le politiche sociali.

ore: 20:14 | 

comments powered by Disqus