ore:  18:15 | Domani scuole chiuse in tutti i comuni della Lunigiana a causa dell’allerta arancione

ore:  13:24 | Allerta codice Arancio per Temporali Forti e Rischio Idrogeologico dalle ore 7 alle ore 23.59 di Giovedì 16 settembre 2021, preceduto da allerta codice giallo dalle ore 00 alle ore 7 di Giovedì 16 sttembre 2021.

ore:  14:44 | Mareggiate e vento, codice giallo su costa centro-nord e appennino orientale fino alle 24 di giovedì 5 agosto

ore:  14:59 | allerta codice giallo per rischio temporali forti dalle ore 00:00 fino alle ore 14.00 di Domenica 1 agosto 2021., mareggiate dalle ore 15,00 alle 23,59 di Domenica 1 Agosto 2021

ore:  14:13 | allerta colore giallo per temporali forti a partire dalle ore 00.00 Martedì, 27 Luglio alle ore 18.00 Martedì, 27 Luglio 2021

sabato, 13 settembre, 2014

http://www.antenna3.tv/2014/09/13/la-confartigianato-lancia-liniziativa-stop-abusivo-riguarda-i-settori-estetica-ed-acconciatura/

Mediavideo Antenna3

LA CONFARTIGIANATO LANCIA L’INIZIATIVA “STOP ABUSIVO” Riguarda i settori estetica ed acconciatura

di  Redazione web

estetistaSTOP ABUSIVO è una iniziativa Confartigianato, sostenuta da coloro che quotidianamente operano sul campo e si trovano a combattere contro problematiche di ogni tipo per poter portare avanti con successo le attività attività.

L’abusivismo è un fenomeno che si sta sempre più radicando in vari settori del mondo imprenditoriale, ed in particolare nel comparto dei servizi alla persona estetica e acconciatura.

Dall’ultima statistica elaborata attraverso gli Studi di Settore risultano circa 105.000 imprese di cui 24.000 imprese di estetica e 81.000 di acconciatura, che dichiarano ricavi per oltre quattro miliardi e ottocento milioni di euro.

Gli occupati tra titolari e personale dipendente supera abbondantemente le 250.000 unità, con prevalenza di  occupazione femminile.

Questi sono solo alcuni dati che fanno capire quale sia l’importanza del settore all’interno dell’economia nazionale. Artigiani e artigiane, che con il loro impegno e la loro indubbia professionalità contribuiscono ogni anno al sostentamento economico di migliaia di famiglie in tutta Italia.

Tutto ciò è a forte rischio, a causa della concorrenza sleale di operatori abusivi, che non rispettando nessun tipo di legge e soprattutto sentendosi pressoché  impuniti e impunibili, si insinuano nel sistema economico come un tumore in un organismo sano.

Ma chi è un abusivo:

L’Abusivo, è colui o colei che svolge una attività imprenditoriale senza averne i requisiti professionali fuori da tutte i regolamenti e le normative che regolano il settore di appartenenza.

Un abusivo:

Non è un contribuente perché evade le tasse

Non si sottopone ai controlli previsti dalle normative

Non è sottoposto a controlli periodici i materia di igiene

Non sempre possiede la qualifica

Non rispetta le norme sanitarie

Non rispetta le norme di pulizia sanificazione e disinfezione

Non utilizza materiale monouso e se lo fa molte volte lo ricicla

Spesso utilizza prodotti acquistati su internet quindi senza le adeguate specifiche di salubrità

Utilizza macchinari elettro-estetici di cui non si ha conoscenza di certificazioni o quant’altro

Diventa spesso veicolo di infezioni virali come l’epatite.

Partendo da questi presupposti, si capisce come molto spesso riescano a proporre prezzi più vantaggiosi per la clientela in confronto alle imprese regolarmente iscritte in Camera di Commercio.

Infatti un’impresa regolarmente iscritta:

Ha le competenze e i titoli necessari per svolgere l’attività

Ha i locali sottoposti a rigidi controlli da parte delle autorità competenti

Ha i locali a norma con le disposizioni igienico-sanitarie

Usa materiale è monouso

Ha le strumentazioni disinfettate

Usa tecnologie certificate

Usa prodotti certificati e fatturati

Emette ricevuta

Ha gli Studi di Settore

PAGA LE TASSE

 

Si può affermare che il fenomeno dell’abusivismo coinvolge probabilmente dalle 70 alle 90.000 unità, con un presumibile giro d’affari stimabile in quasi  due miliardi di euro, con conseguente carico di evasione fiscale e contributiva.

In un momento storico particolarmente difficile per l’economia nel suo complesso, dove le imprese fanno letteralmente i salti mortali per riuscire a fare quadrare i propri bilanci, è ASSOLUTAMENTE INACCETTABILE che venga tollerata una economia parallela abusiva, che si appropria di una parte di ricchezza del Paese senza restituire nulla in cambio.

Pertanto Confartigianato di Massa – Carrara chiederà alla propria Confederazione nazionale di intervenire con fermezza nei riguardi del Governo, della politica e delle Istituzioni per far sì che venga riconosciuta e tutelata la professionalità ed il lavoro delle Imprese, in particolare:

·         Una legislazione che tuteli le imprese nei confronti dell’abusivismo

·         Leggi più severe contro l’abusivismo

·         Semplificazione nei controlli da parte delle autorità preposte.

·         Incremento delle sanzioni

·         Considerare le abitazioni come strumento  di illegalità e permettere il sequestro delle parti in cui viene svolto il lavoro abusivo.

 

Infine Confartigianato lancia un appello agli utenti, affinché per la la loro salute e benessere, si rivolgano ad imprese che operano nella legalità alla luce del sole.

ore: 11:41 | 

comments powered by Disqus