ore:  13:33 | Emessa allerta ARANCIONE pr domani domenica dalle 6 alle 15

ore:  13:04 | BERGIOLA MAGGIORE – divieto di utilizzo dell’acqua per il consumo umano fino al ripristino dei parametri.

ore:  18:15 | Domani scuole chiuse in tutti i comuni della Lunigiana a causa dell’allerta arancione

ore:  13:24 | Allerta codice Arancio per Temporali Forti e Rischio Idrogeologico dalle ore 7 alle ore 23.59 di Giovedì 16 settembre 2021, preceduto da allerta codice giallo dalle ore 00 alle ore 7 di Giovedì 16 sttembre 2021.

ore:  14:44 | Mareggiate e vento, codice giallo su costa centro-nord e appennino orientale fino alle 24 di giovedì 5 agosto

giovedì, 4 settembre, 2014

http://www.antenna3.tv/2014/09/04/omicidi-di-natale-amroui-non-parla-il-giovane-ritenuto-complice-del-duplice-delitto-di-massa-si-avvale-della-facolta-di-non-rispondere/

Mediavideo Antenna3

Omicidi di Natale Amroui non parla Il giovane ritenuto complice del duplice delitto di Massa si avvale della facoltà di non rispondere

di  Redazione web

omicidio natale Si è avvalso della facoltà di non rispondere, come gli aveva consigliato il suo avvocato Giorgio Zunino, e così l’interrogatorio in carcere di Adil Amroui è durato poco meno di un minuto. Il gip Fabrizio Garofalo ne ha preso atto e ha confermato la misura cautelare dei domiciliari (trasformata in seguito in detenzione in cella per il possesso per fini di spaccio di quasi un etto di hashish). La mossa del legale congela la situazione del ragazzo, accusato di concorso in omicidio, per aver partecipato alla notte del duplice delitto di Natale, fino al pronunciamento del riesame: il collegio riceverà il ricorso di Zunino nei prossimi giorni. Ma di fatto ha impedito al pm Rossella Soffio, presente all’udienza, di approfondire alcuni punti della vicenda rimasti ancora oscuri.

Secondo i carabinieri Adil Amroui, ragazzo italiano di origini marocchine di ventitrè anni ha aiutato Andrea Mazzi ad uccidere Andrea Fruzzetti. La posizione del giovane potrebbe non essere così compromessa, a giudicare da quello che hanno in mano gli inquirenti. Secondo la difesa non c’è un testimone che avvalori la tesi di procura; e cioè nessuno ha visto, anzi ha detto di aver visto, Adil tenere fermo Fruzzetti mentre Mazzi lo accoltella mortalmente. Un paio di persone, però dicono che era tra quelli che prendevano a calci il corpo del ragazzo morente. Amroui è stato indagato quasi immediatamente dall’Arma. Nella prima versione dei fatti l’italomarocchino aveva detto di essere stato aggredito da “quelli di Montignoso” perché extracomunitario. Invece dopo otto mesi di indagini è stato trovato l’ultimo tassello del puzzle che secondo chi indaga ha chiuso il caso. Il gip Garofalo aveva disposto gli arresti domiciliari per Amroui, ma durante la notifica del provvedimento gli uomini del capitano Giuseppe Saccomanno avevano trovato due mazze di legno, probabilmente utilizzate in qualche rissa, e della droga (90 grammi di hashish, in parte già suddiviso in dosi) e così la custodia cautelare è diventata carcere.

 

 

il tirreno

ore: 23:25 | 

comments powered by Disqus