ore:  14:14 | Allerta prorogata fino alle 13 di lunedì 27 settembre il “codice giallo” per temporali e rischio idrogeologico valido su tutto il territorio regionale toscano

ore:  11:50 | Emessa Allerta Gialla per Temporali Forti e Rischio Idrogeologico dalle 8;00 alle23:59  di Domenica 25 Settembre 2021.

ore:  13:33 | Emessa allerta ARANCIONE pr domani domenica dalle 6 alle 15

ore:  13:04 | BERGIOLA MAGGIORE – divieto di utilizzo dell’acqua per il consumo umano fino al ripristino dei parametri.

ore:  18:15 | Domani scuole chiuse in tutti i comuni della Lunigiana a causa dell’allerta arancione

venerdì, 16 maggio, 2014

http://www.antenna3.tv/2014/05/16/massa-piange-il-forneretto-piu-di-mille-persone-al-corteo-funebre/

Mediavideo Antenna3

Massa piange il Fornaretto, più di mille persone al corteo funebre

di  Redazione web

funerale fornarettoPiù di mille persone in corteo per l’addio a Umberto Mosti, 59 anni, il popolare Fornaretto. Personaggio ultra dinamico organizzatore di eventi, appassionato di motori (moto e auto da rally) e naturalmente eccelkso pizzaiolo detentore di due record mondiali da Guinness. Suo, dei suoi collaboratori e amici, della città alla fine il record della pizza più lunga del mondo, un chilometro e duecento metri. Cattedrale gremita, fuori le bandierine colorate da gara di rally. La città si è stretta intorno ai familiari con passione, con i ricordi, tanti e tutti belli di un uomo sempre appassionato.

C’era tutta una grande comunità a omaggiarlo: gli amici più stretti, i clienti del ristorante, gli abitanti di Romagnano – dove aveva la sua pizzeria, il Fornaretto – i compagni “di motori”, i commercianti, i conoscenti e quelli che di lui hanno solo sentito parlare. Presenti anche rappresentanti dell’amministrazione comunale.Il feretro ricoperto dalla bandiera tricolore – la stessa che lui sventolava sorridente in piedi sul tavolo quando vinse il suo secondo record al Cinquale – è stato accompagnato in chiesa passando sotto un tunnel di ufficiali di gara con la bandiera gialla alzata, segno che il mezzo doveva rallentare. Un tributo alla sua altra passione: il rally, le gare, il rombo dei motori che spingono l’auto a tutta velocità sulle strade sterrate. La cattedrale era gremita di gente, nonostante moltissime persone fossero rimaste fuori, tant’è che a celebrare la messa c’erano quattro parroci: don Giulio Rossi, don Giovanni Locatelli, don Simone Giovannella e don Primiero Cortini. A mala pena si riusciva a sentire l’omelia del parroco, ma si udivano invece forti e ben chiari i singhiozzi dalle prime file. Quelle lacrime strozzate e respinte nello stomaco che inevitabilmente risalivano a ogni parola pronunciata dall’altare. Un’omelia in cui don Rossi ha cercato di spiegare il senso di quella perdita e il senso di quel dolore a chi è rimasto. Al termine della messa il feretro è stato ricondotto sotto il tunnel degli ufficiali di gare, stavolta accompagnato da tre lunghi applausi. Poi il silenzio e un altro applauso. Quello dell’addio.

 

Il Tirreno

ore: 18:50 | 

comments powered by Disqus