ore:  14:14 | Allerta prorogata fino alle 13 di lunedì 27 settembre il “codice giallo” per temporali e rischio idrogeologico valido su tutto il territorio regionale toscano

ore:  11:50 | Emessa Allerta Gialla per Temporali Forti e Rischio Idrogeologico dalle 8;00 alle23:59  di Domenica 25 Settembre 2021.

ore:  13:33 | Emessa allerta ARANCIONE pr domani domenica dalle 6 alle 15

ore:  13:04 | BERGIOLA MAGGIORE – divieto di utilizzo dell’acqua per il consumo umano fino al ripristino dei parametri.

ore:  18:15 | Domani scuole chiuse in tutti i comuni della Lunigiana a causa dell’allerta arancione

venerdì, 21 marzo, 2014

http://www.antenna3.tv/2014/03/21/arrivati-a-marina-di-massa-40-profughi-in-fuga-dalla-guerra-sono-ospitati-a-casa-faci-e-in-una-struttura-di-aulla-mobilitate-le-strutture-della-caritas/

Mediavideo Antenna3

Arrivati a Marina di Massa 40 profughi in fuga dalla guerra. Sono ospitati a Casa Faci e in una struttura di Aulla Mobilitate le strutture della Caritas

di  Redazione web

profughi casa faci 21 3 14Sono arrivati in provincia di Massa Carrara 40 profughi siriani ed etiopi, tutti maschi e giovani, ma nessuno minorenne. 12 sono stati sistemati a Casa Faci, residenza estiva per anziani, sulla costa di Marina di Massa; gli altri 28 hanno preso la strada per Aulla e verranno accolti nella residenza assistita che già fu destinata ad una ondata di migranti gli anni passati. Sono arrivati in Italia all’aeroporto di Pisa e da lì sono stati accompagnati ad Aulla e a Marina di Massa, su un pullman a due piani, scortati dalla Polizia. Ad accoglierli c’era il responsabile della Caritas di Massa Almo Puntoni e numerosi volontari.

Prima di scendere dal pullman gli agenti di polizia con un mediatore culturale gli hanno comunicato le prime informazioni necessarie per iniziare il soggiorno, poi li hanno divisi a gruppi di quattro e fatti entrare nella struttura privata. Avevano tute da ginnastica, jeans sdruciti, infradito. Alcuni però erano senza scarpe e a piedi nudi hanno percorso alcuni metri prima di entrare a Casa Faci. Qui potranno rimanere soltanto 10 giorni, poi la Prefettura dovrà decidere per loro una nuova sistemazione.

I 40 profughi sono stati accolti dal territorio dopo l’Sos lanciato dal Ministero dell’Interno alla Prefettura locale, per l’aggravarsi della situazione in Sicilia e immediatamente, nel tardo pomeriggio di giovedì si è riunita in Prefettura una commissione straordinaria per pianificare il loro arrivo: «Siamo stati contattati da Roma soltanto giovedì pomeriggio – spiega il prefetto Giovanna Menghini – ci è stata chiesta la disponibilità ad accogliere 40 uomini, 40 persone in difficoltà e noi abbiamo detto sì. Anche se il tempo è stato poco ci siamo subito attivati affinché potessero avere la migliore assistenza possibile e abbiamo incaricato la Caritas di prendersi l’onere di trovare una prima struttura di accoglienza, che non sarà quella definitiva. È tutto tranquillo e tutto perfettamente funzionante. Stiamo facendo il nostro dovere di cittadini e di istituzioni». «Non sappiamo con chi avremo a che fare – spiega invece Almo Puntoni della Caritas di Massa – finché non li incontreremo; non sappiamo con precisione da dove vengono, che lingua parlano. Per questo ci siamo intanto attrezzati con dei mediatori culturali e traduttori sia di lingua francese che araba; al momento non sappiamo neanche di che cosa hanno bisogno, che condizione di salute sono anche se sappiamo hanno già effettuato le prime visite mediche una volta sbarcati in Sicilia. Ci stiamo attrezzando per capire quali saranno le loro necessità».

 

Il Tirreno

ore: 18:33 | 

comments powered by Disqus