ore:  11:45 | Maltempo, codice giallo per temporali e rischio idrogeologico per tutta la regione

ore:  10:55 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti dalle ore 22.00 di Giovedì 15 Ottobre alle ore 10.00 di Venerdì 16 Ottobre 2020

ore:  12:40 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore dalle ore 18.00 di Mercoledì 14 Ottobre alle ore 13.00 di Giovedì 15 Ottobre 2020

ore:  14:14 | Esteso a domani allerta meteo di codice ‘giallo’. Attesi anche forti venti nell’area fiorentina

ore:  13:40 | allerta colore giallo per rischio idrogeologicoidraulico- temporali forti -mareggiate e vento a partire dalle ore 20.00 Martedì, 06 Ottobre alle ore 12.00 Mercoledì, 07 Ottobre 2020

lunedì, 9 dicembre, 2013

http://www.antenna3.tv/2013/12/09/false-cremazioni-condannata-la-societa-di-servizi-assolto-il-comune/

Mediavideo Antenna3

False cremazioni: condannata la società di servizi, assolto il Comune

di  Redazione web

trib cremazioniSi è chiuso il processo sulle false cremazioni al cimitero di Mirteto, durato 2 anni e mezzo, che ha visto imputate 13 persone, tra funzionari pubblici e gestori del forno crematorio. L’accusa aveva chiesto in tutto 69 anni di reclusione per i reati più svariati, tra cui la dispersione delle ceneri, la sottrazione delle salme e di resti mortali, la corruzione, la truffa, il peculato l’abuso di ufficio, il tutto aggravato dall’associazione a delinquere. 135 le famiglie costituitesi parte civile contro il comune di Massa.

Per la corte, l’unico responsabile è la Euroservizi, società che gestiva il forno crematorio per conto del Comune che è invece stato ritenuto estraneo ai fatti. Il collegio del giudici ha dichiarato Renzo Fialdini, funzionario del Comune, all’epoca dei fatti responsabile dell’Ufficio cimiteri, accusato di non aver controllato e denunciato quanto avveniva nel forno crematorio, colpevole soltanto di falsità ideologica, per 8 mesi di reclusione (il pm aveva chiesto 5 anni). Sono questi i dati più significativi del processo, che vede in pratica il comune di Massa estraneo ai fatti che avvenivano all’interno del cimitero, tra cui le cremazioni multiple di corpi, le cui ceneri mischiate finivano nelle urne per i parenti. Le famiglie costituitesi parte civile non verranno dunque risarcite dei presunti danni morali subiti.

Per la corte, l’unico responsabile è la Euroservizi: Renato Alibani, titolare della srl, è stato condannato a 7 anni per i reati contro i defunti e per associazione a delinquere. Con lui anche altri sette tra operai e soci della ditta. Da ricordare che patteggiò la pena a 4 anni e 10 mesi, Enzo Pucci, addetto al forno crematorio, che dopo l’arresto nel 2007 rivelò molti retroscena di quanto accadeva a Mirteto. Infine il comune di Massa, che in questo processo è stato anche parte civile, cioè parte lesa in quanto vittima della truffa di Euroservizi, dovrà essere risarcito per i danni di immagine subiti.

Le reazioni dei parenti. “Hanno ucciso i nostri parenti per l’ennesima volta. Ci aspettavamo una sentenza esemplare, invece alla fine hanno punito solo i pesci piccoli”. Lo ha dichiarato alla fine del processo Natalina Menchelli presidente dell’associazione nata a tutela e dignità dei defunti, cremati al cimitero di Mirteto a Massa. Momenti di tensione appena fuori dall’aula del Tribunale dove si erano radunate le famiglie delle vittime, circa 135, costituitesi parte civile contro il Comune. Al momento dell’uscita degli avvocati che difendevano il Comune e dell’ex funzionario imputato e assolto, in tanti si sono lasciati andare a commenti e insulti. Il comune di Massa, infatti, è stato dichiarato non colpevole per i fatti che avvenivano all’interno del cimitero, dove le salme venivano cremate insieme e le urne riempite con ceneri miste. “Siamo delusi e pensiamo che non esista giustizia, volevamo la condanna del Comune perché avrebbe dovuto controllare, difendere i suoi cittadini e i suoi defunti da quello che gli avveniva sotto gli occhi”.

Articolo e foto Il Tirreno

ore: 22:28 | 

comments powered by Disqus