ore:  11:45 | Maltempo, codice giallo per temporali e rischio idrogeologico per tutta la regione

ore:  10:55 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti dalle ore 22.00 di Giovedì 15 Ottobre alle ore 10.00 di Venerdì 16 Ottobre 2020

ore:  12:40 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore dalle ore 18.00 di Mercoledì 14 Ottobre alle ore 13.00 di Giovedì 15 Ottobre 2020

ore:  14:14 | Esteso a domani allerta meteo di codice ‘giallo’. Attesi anche forti venti nell’area fiorentina

ore:  13:40 | allerta colore giallo per rischio idrogeologicoidraulico- temporali forti -mareggiate e vento a partire dalle ore 20.00 Martedì, 06 Ottobre alle ore 12.00 Mercoledì, 07 Ottobre 2020

giovedì, 5 dicembre, 2013

http://www.antenna3.tv/2013/12/05/marignani-nascosti-e-ferri-%c2%ab%e2%80%9canche-in-toscana-aree-a-fiscalita-agevolata-sul-modello-delle-%e2%80%9czone-franche%e2%80%9d%c2%bb/

Mediavideo Antenna3

Marignani, Nascosti e Ferri: «“Anche in Toscana aree a fiscalità agevolata sul modello delle “zone franche”»

di  Redazione web

ferri jacopoCreare anche in Toscana aree a fiscalità agevolata per fronteggiare la crisi e rendere maggiormente attrattive le zone economicamente più depresse della nostra regione.

Prende corpo da queste necessità la proposta avanzata dai consiglieri regionali del Popolo della Libertà Claudio Marignani, Jacopo Ferri e Nicola Nascosti, sulla cui fattibilità normativa è stata presentata un’interrogazione in Consiglio regionale

«Pressione fiscale e  carico burocratico incidono ormai pesantemente sui bilanci e i tempi operativi delle aziende italiane, e il gap tra le nostre aziende e i loro competitori con sede all’estero è ormai insostenibile e la Toscana – affermano i consiglieri del PdL – necessita dell’individuazione di soluzioni innovative per dare vita a uno choc favorevole alla ripresa economica. Perciò, alla luce di quanto realizzato a Nola, abbiamo chiesto alla Giunta di valutare l’opportunità di creare anche nella nostra regione aree analoghe», spiegano Marignani, Ferri e Nascosti.

Il modello di riferimento portato ad esempio è l’Interporto di Nola: all’interno del quale l’Agenzia delle Dogane, lo scorso maggio, ha dato il via-libera alla costituzione di una “zona franca aperta” a fiscalità agevolata che incentiva così lo sviluppo dell’intera area.

“Alcune regioni europee, specialmente nell’Est – Turchia e Romania su tutte – grazie a vantaggi fiscali hanno attratto produzioni manifatturiere originariamente operative nel nostro Paese. Per questo occorre studiare formule in grado di rendere altrettanto attrattiva la Toscana, e le zone franche sul modello di Nola – una volta confermata la fattibilità dal punto di vista normativo – potrebbero rappresentare una soluzione adeguata», concludono Marignani, Ferri e Nascosti.

ore: 14:57 | 

comments powered by Disqus