ore:  11:45 | Maltempo, codice giallo per temporali e rischio idrogeologico per tutta la regione

ore:  10:55 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti dalle ore 22.00 di Giovedì 15 Ottobre alle ore 10.00 di Venerdì 16 Ottobre 2020

ore:  12:40 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore dalle ore 18.00 di Mercoledì 14 Ottobre alle ore 13.00 di Giovedì 15 Ottobre 2020

ore:  14:14 | Esteso a domani allerta meteo di codice ‘giallo’. Attesi anche forti venti nell’area fiorentina

ore:  13:40 | allerta colore giallo per rischio idrogeologicoidraulico- temporali forti -mareggiate e vento a partire dalle ore 20.00 Martedì, 06 Ottobre alle ore 12.00 Mercoledì, 07 Ottobre 2020

lunedì, 18 novembre, 2013

http://www.antenna3.tv/2013/11/18/%e2%80%9cprosegue-l%e2%80%99attivita-per-la-re-industrializzazione-dell%e2%80%99area-ex-eaton%e2%80%9d-intervento-del-commissario-osvaldo-angeli/

Mediavideo Antenna3

“Prosegue l’attività per la re-industrializzazione dell’Area ex Eaton” intervento del Commissario Osvaldo Angeli

di  Redazione web

eaton 3Un incontro proficuo” – così inizia la nota stampa a cura del Commissario Straordinario, Osvaldo Angeli, in merito all’incontro avvenuta oggi, a Massa, presso Palazzo Ducale, in relazione alle attività di re-industrializzazione dell’area ex Eaton; incontro a cui hanno partecipato, oltre a i componenti del tavolo – i Sindaci dei Comuni di Massa, Carrara e Montignoso ed il Presidente della CCIAA di Massa-Carrara – anche i parlamentari locali – gli Onorevoli Andrea Rigoni e Martina Nardi e le Senatrici Laura Bottici e Sara Paglini – i consiglieri regionali – Marini e Rossetti – e le rappresentanze sindacali confederali (CGIL, CISL, UIL ed UGL), di categoria (FIOM, FILM ed UILM) e dell’ex RSU Eaton

Nell’incontro di oggi – prosegue Angeli –, convocato dalla Provincia in accordo con il Sindaco di Massa, abbiamo fatto il punto sul percorso della re-industrializzazione dell’area Ex Eaton, un percorso che prevede, come già riportato nei giorni scorsi, la realizzazione di un nuovo impianto industriale a cura della locale azienda IGLOM, con circa 70 nuovi occupati, che verranno selezionati tra gli ex dipendenti Eaton, come già precisato dallo stesso proprietario della IGLOM, Ricci”.

Questa proposta è, infatti, contenuta nello studio di fattibilità che il Consorzio Zona Industriale Apauna ha inviato in data odierna ai soggetti firmatari dell’Accordo di Programma a suo tempo sottoscritto (Regione Toscana, Comune di Massa e Provincia di Massa-Carrara), unitamente alla localizzazione di possibili ulteriori iniziative in aree limitrofe allo stabilimento ex Eaton, oggi di proprietà della Solvay e, sostanzialmente, inutilizzate”.

Su questo studio di fattibilità, nei prossimi giorni, la Regione Toscana verrà chiamata, assieme alle altre istituzioni firmatarie dell’Accordo, ad esprimersi, anche in diretta concertazione con le OO.SS. che, a loro volta, hanno sottoscritto un apposito protocollo d’intesa con le stesse istituzioni, protocollo finalizzato, appunto, ad una valutazione congiunta e condivisa di questo stesso studio”.

La congiunta valutazione positiva dello studio di fattibilità potrà, quindi, dare il via libera all’utilizzo dei 5 milioni della Regione Toscana che, sono stati, comunque, confermati dalla Regione e che verranno utilizzati per l’acquisto e la re-industrializzazione complessiva delle aree, indicate dallo studio ed ancora da destinare agli scopi produttivi ed occupazionali”.

Il Tavolo Istituzionale Provinciale, che ha condiviso quanto fino ad ora realizzato, potrà, quindi, sostenere ulteriormente questo percorso, attraverso sia l’interessamento dei parlamentari locali rispetto alla prosecuzione degli ammortizzatori sociali in deroga, che potranno accompagnare i lavoratori verso il riassorbimento nelle attività previste dallo studio di fattibilità, sia monitorando costantemente la situazione occupazionale, sociale e produttiva delle suddette aree”.

Dobbiamo, quindi,  – conclude Angeli continuare, tutti uniti come territorio, sul percorso intrapreso; un percorso che, a partire dalla deperimetrazione dal SIN dell’area ex Eaton, passando per la stipula dell’Accordo di Programma con la Regione Toscana, ed arrivando al confronto costante con le OO.SS., ha indicato tappe concrete – ed i cui frutti si stanno cominciando a vedere – per il totale riassorbimento di tutti i lavoratori ex Eaton.”

ore: 20:07 | 

comments powered by Disqus