ore:  11:45 | Maltempo, codice giallo per temporali e rischio idrogeologico per tutta la regione

ore:  10:55 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti dalle ore 22.00 di Giovedì 15 Ottobre alle ore 10.00 di Venerdì 16 Ottobre 2020

ore:  12:40 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore dalle ore 18.00 di Mercoledì 14 Ottobre alle ore 13.00 di Giovedì 15 Ottobre 2020

ore:  14:14 | Esteso a domani allerta meteo di codice ‘giallo’. Attesi anche forti venti nell’area fiorentina

ore:  13:40 | allerta colore giallo per rischio idrogeologicoidraulico- temporali forti -mareggiate e vento a partire dalle ore 20.00 Martedì, 06 Ottobre alle ore 12.00 Mercoledì, 07 Ottobre 2020

giovedì, 14 novembre, 2013

http://www.antenna3.tv/2013/11/14/criticita-del-settore-lapideo-intervento-di-assindustria-carrara-e-lucca/

Mediavideo Antenna3

Criticità del settore lapideo. Intervento di Assindustria Carrara e Lucca

di  Redazione web

cava marmoIl settore lapideo del distretto apuo-versiliese, e in modo particolare l’attività di lavorazione delle pietre, deve far fronte a insostenibili aumenti nei costi di smaltimento degli scarti di lavorazione per la scarsa chiarezza della normativa di riferimento.

Date le numerose evidenze di non pericolosità, parte di questi “scarti” potrebbero essere riutilizzati come sottoprodotto. La normativa, tuttavia, non precisa le caratteristiche che debbono essere rispettate per cui aziende, Arpat e proprietari dei siti non sanno come devono comportarsi; di fatto situazioni analoghe vengono amministrate in modo diverso nelle varie Regioni italiane e questo penalizza le imprese del nostro distretto.

Le Associazioni Industriali di Lucca e Massa Carrara, assieme a Cosmave, si sono  rivolte a Regione, ARPAT e Ministero affinché siano definiti chiaramente i parametri che le marmettole devono rispettare e le metodologie da usare per analizzarle al fine di consentirne il reimpiego come sottoprodotti.

Attualmente centinaia e centinaia di tonnellate di marmettole, che in altre regioni sono utilizzate come sottoprodotti,  nel nostro caso sono ancora classificate come rifiuti e devono essere conferite in discarica, soluzione che costituisce un inutile spreco e implica costi  elevati. L’unica discarica presente in zona, quella  di  Montignoso  gestita  da Programma Ambiente Apuane, è stata costretta infatti ad aumentare le tariffe di conferimento che dal 1 di novembre sono aumentate del 25%  e dal 1 gennaio avranno un altro consistente aumento (+50%).

Le Associazioni chiedono al Ministero dell’Ambiente di essere ascoltate insieme ai rappresentanti di Regione e di Arpat, al fine di superare le incertezze normative; in caso contrario gli elevati costi della  gestione degli scarti potrebbero assestare un altro colpo  di grazia ad un settore che purtroppo da anni versa in una condizione di grave sofferenza.

ore: 12:38 | 

comments powered by Disqus