ore:  11:45 | Maltempo, codice giallo per temporali e rischio idrogeologico per tutta la regione

ore:  10:55 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti dalle ore 22.00 di Giovedì 15 Ottobre alle ore 10.00 di Venerdì 16 Ottobre 2020

ore:  12:40 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore dalle ore 18.00 di Mercoledì 14 Ottobre alle ore 13.00 di Giovedì 15 Ottobre 2020

ore:  14:14 | Esteso a domani allerta meteo di codice ‘giallo’. Attesi anche forti venti nell’area fiorentina

ore:  13:40 | allerta colore giallo per rischio idrogeologicoidraulico- temporali forti -mareggiate e vento a partire dalle ore 20.00 Martedì, 06 Ottobre alle ore 12.00 Mercoledì, 07 Ottobre 2020

martedì, 29 ottobre, 2013

http://www.antenna3.tv/2013/10/29/scuola-la-colazione-del-campione-pane-e-marmellata-e-succo-di-frutta-ma-1-bambino-su-4-e%e2%80%99-fuori-forma/

Mediavideo Antenna3

SCUOLA: LA COLAZIONE DEL CAMPIONE? PANE E MARMELLATA E SUCCO DI FRUTTA, MA 1 BAMBINO SU 4 E’ FUORI FORMA

di  Redazione web

Toasts with jamLa colazione del campione? Pane e marmellata, succo di frutta e yogurt. Per i giovani della scuola elementare della “Doganella”, a Marina di Carrara, d’ora in avanti la colazione non sarà più la stessa dopo aver provato la “colazione di Campagna Amica”. E’ successo in occasione della visita dei reporter di “Vinews”, il magazine redatto dai giovanissimi alunni delle classi terza e quarta della Doganella, al mercato di Campagna Amica in Piazza Finelli, ad Avenza per redigere un servizio che sarà pubblicato nel prossimo numero. Tanta la curiosità da parte dei baby-giornalisti accompagnati dagli insegnati, dal coordinatore Fabrizio Palagi e dal Preside dell’Istituto comprensivo Carrara 5, Mirella Cocchi per le esperienze dei produttori di Campagna Amica che animano il mercato della filiera corta, così come per i prodotti autunnali che caratterizzano la nostra cucina in queste settimane. Un’occasione, in verità, anche per spingere l’attenzione sull’educazione alimentare che ancora di strada, nella Provincia di Massa Carrara, deve farne molta nonostante una normativa nazionale che punta a favorire il consumo consapevole dei prodotti ortofrutticoli nelle scuole di tutta Italia, e quindi, anche in quelle apuane e lunigianesi. “C’è ancora molto da fare per; – ammette Coldiretti – molti bambini hanno cattive abitudini alimentari e stili di vita sedentari”. A conferma delle preoccupazioni di Coldirettiuna serie di dati tutti toscani secondo cui (fonte studio “Okkio alla Salute”) il 19,6% dei bambini è in sovrappeso, il 6% è obeso e quasi l’1% severamente sovrappeso: in pratica, 1 bambino su 4 ha problemi di peso figli di un’alimentazione poco sana e di altri fattori (sport, movimento etc). Fortunatamente qualche segnale “diverso” si sta intravedendo: sarebbero in diminuzione, dal 41,3% del 2010 al 36,3% del 2012, i bambini che consumano bibite zuccherate o gassate almeno una volta al giorno. “Un segnale positivo – commenta Coldiretti – che però non ci deve accontentare”.  Da qui il lancio, alla vigilia dell’anno scolastico in corso, del progetto Coldiretti che si indirizza alle scuole materne, elementari e medie finalizzato all’ educazione e assimilazione delle “emozioni contadine” attraverso l’ausilio di vere e proprie Fattorie didattiche che permettono il contatto pratico e diretto con la natura: semina, raccolto, trasformazione, manipolazione e creazione dei prodotti della terra e di tutto quello che ruota attorno al mondo campagnolo. Si tratta divere e proprie lezioni all’aperto nelle aziende agricole a cui i bambini avranno l’opportunità di partecipare durante l’anno scolastico. “Ci sono molte aziende agricole – spiega Coldiretti – pronte ad aprire le porte delle loro attività ai bambini e alle loro famiglie. La formazione sul campo consente anche di imparare in maniera divertente il rispetto dell’ambiente attraverso la conoscenza della campagna con i suoi ritmi e l’alternanza delle stagioni”. Esperienze in parte non nuove in Provincia di Massa Carrara dove diverse aziende ospitano frequentemente scolaresche e comitive, ma sicuramente da rafforzare grazie al link tra scuola e agricoltura: “le aziende agricole, – conclude Coldiretti – sono a disposizione del territorio”.

ore: 12:21 | 

comments powered by Disqus