ore:  11:45 | Maltempo, codice giallo per temporali e rischio idrogeologico per tutta la regione

ore:  10:55 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti dalle ore 22.00 di Giovedì 15 Ottobre alle ore 10.00 di Venerdì 16 Ottobre 2020

ore:  12:40 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore dalle ore 18.00 di Mercoledì 14 Ottobre alle ore 13.00 di Giovedì 15 Ottobre 2020

ore:  14:14 | Esteso a domani allerta meteo di codice ‘giallo’. Attesi anche forti venti nell’area fiorentina

ore:  13:40 | allerta colore giallo per rischio idrogeologicoidraulico- temporali forti -mareggiate e vento a partire dalle ore 20.00 Martedì, 06 Ottobre alle ore 12.00 Mercoledì, 07 Ottobre 2020

venerdì, 25 ottobre, 2013

http://www.antenna3.tv/2013/10/25/via-francigena-inaugurazione-tappe-2-e-3-sabato-26-ottobre-a-terrarossa-il-via-al-tracciato-da-pontremoli-a-carrara/

Mediavideo Antenna3

Via Francigena: inaugurazione tappe 2 e 3 Sabato 26 ottobre a Terrarossa il via al tracciato da Pontremoli a Carrara

di  Redazione web

via francigenaNegli ultimi anni si è assistito ad un crescente interesse nei confronti della Via Francigena e al moltiplicarsi delle iniziative finalizzate a valorizzarne il percorso sia sotto il profilo turistico che culturale. La Provincia di Massa-Carrara sta mettendo in atto varie iniziative per il rilancio dell’itinerario attraverso un’azione con la Regione Toscana, i Comuni del territorio,  l’Associazione Europea delle Vie Francigene e altri soggetti pubblici e privati.

La Regione Toscana, in collaborazione con la Provincia di Massa-Carrara e i Comuni del territorio ha intrapreso, attraverso il Master Plan della Via Francigena e il Piano Operativo 2012-2014, un’azione progettuale finalizzata alla realizzazione e omogeneizzazione di segnaletica, arredo urbano, restauri e messa in sicurezza del percorso automobilistico ed escursionistico.

Attraverso il Masterplan, i cui lavori sono stati conclusi nel dicembre 2012, sono stati realizzati interventi di infrastrutturazione leggera (passerelle, miglioramento foresterie, aree di sosta, pavimentazione ecc.) per un importo di 1 milione e 29 mila euro circa (di cui 60% a carico regionale) e interventi di sicurezza stradale e segnaletica turistica, per un totale  di euro 250 mila euro circa (100% a carico regionale).

Il  Piano Operativo della Via Francigena 2012-2014, che prevede il completamento dell’infrastrutturazione dell’itinerario pedonale,  si articola in due fasi: la fase 1 prevede la realizzazione di interventi per un importo pari a euro 1.035.804,80 (100% a carico regionale), la fase 2 prevede la realizzazione di interventi per un importo di euro 1.396.494,00 (finanziamento regionale del 100% , del 40% e del 60% in relazione alla tipologia di interventi).

L’obiettivo del Piano operativo è quello di rendere pienamente fruibile in sicurezza le 15 tratte del percorso toscano della Via Francigena. Entro il 28 febbraio 2014, è previsto il completamento dell’infrastrutturazione del tracciato toscano secondo standard ritenuti essenziali dalla Regione e l’inaugurazione di tutte le tappe.

Ma vediamo come sono descritte le due tappe nel dettaglio

Tappa 2. Da Pontremoli inizia una tappa di 33 km che si completa in 8 ore circa. Un percorso senza particolari dislivelli, quota massima 250m, lungo strade sterrate e sentieri, per lunghi tratti nel bosco. Superata l’elegante pieve di Sorano, che ci introduce nell’atmosfera della Via Francigena, si attraversa l’antico borgo di Filattiera, poi lungo la valle del torrente Monia si giunge a Filetto e quindi a Villafranca. Traversato il torrente Bagnone, si sale a Virgoletta e si procede per Terrarossa, dominata dal castello Malaspina, prima di giungere al punto tappa, l’abbazia di San Caprasio ad Aulla.

Tappa 3. È un percorso per riscoprire la Via Francigena attraverso i castelli e le fortezze sui colli della Lunigiana. Borghi medievali dalle lunghe tradizioni, ricchi di testimonianze storiche e immersi nella natura. Una strada antica piena di fascino e suggestione. La prima parte della tappa si svolge in gran parte su sentiero, è impegnativa e molto bella, e ci regala il primo panorama sul mare. Interessanti le atmosfere degli antichi villaggi lungo il cammino, la visita dei ruderi del Castello della Brina e della cittadina di Sarzana. La seconda parte è pianeggiante. Si raggiunge l’area archeologica di Luni, antico porto romano da cui partivano i marmi per Roma; poco lontano era il porto di S. Maurizio, dove si imbarcavano i pellegrini diretti a Santiago di Campostela. A Luni interessanti da visitare il Museo archeologico e i resti della città romana: il foro, la casa degli affreschi, l’anfiteatro. Proseguendo si rientra in Toscana e si raggiunge la torre di Castruccio, ad Avenza, in prossimità di Carrara.

ore: 12:31 | 

comments powered by Disqus