ore:  14:59 | allerta codice giallo per rischio temporali forti dalle ore 00:00 fino alle ore 14.00 di Domenica 1 agosto 2021., mareggiate dalle ore 15,00 alle 23,59 di Domenica 1 Agosto 2021

ore:  14:13 | allerta colore giallo per temporali forti a partire dalle ore 00.00 Martedì, 27 Luglio alle ore 18.00 Martedì, 27 Luglio 2021

ore:  13:15 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico e temporali forti dalle ore 13:00 fino alle ore 22.00 di Venerdì, 16 Luglio 2021.

ore:  15:33 | Codice giallo per vento forte e mareggiate sulla costa e l’Arcipelago fino al 14 luglio

ore:  12:27 | Allerta codice Giallo per temporali e mareggiate, domani, martedi 13 luglio dalle 8 alle 23.59

mercoledì, 9 ottobre, 2013

http://www.antenna3.tv/2013/10/09/sabato-sera-tornammo-a-riveder-le-stelle-riflessione-sullilluminazione-pubblica-a-massa/

Mediavideo Antenna3

Sabato sera “tornammo a riveder le stelle?”. Riflessione sull’illuminazione pubblica a Massa

di  Redazione web

Aurelia notturnoRinviata sabato scorso, causa maltempo, si terrà questo sabato, 12 ottobre, un’iniziativa pubblica del Gruppo Astrofili massesi di riflessione e proposta sull’inquinamento luminoso e sul risparmio energetico, intitolata “Tornammo a riveder le stelle?”.

L’appuntamento è presso l’inizio del Pontile di Marina di Massa alle 18,30 per assistere al tramonto del Sole ed avviarsi assieme verso piazza Bad Kissingen. Nel percorso verrà commentata l’illuminazione pubblica della zona, come pretesto per riflettere sui miglioramenti e sui risparmi possibili. Arrivati ,all’incirca alle ore 19,20, in piazza Bad Kissingen si potrà osservare, fino all’ora di cena coi telescopi del GAM, la Luna ed i principali oggetti visibili nel cielo in questo periodo. Fra questi Venere, che si mostra in questi giorni come una mezza luna, ben visibile al telescopio. Questa parte osservativa finale rientra in un’altra giornata internazionale, dedicata all’osservazione del nostro satellite, promossa da varie organizzazioni internazionali fra le quali la NASA.

Ma torniamo al tema dell’illuminazione notturna, ai notevoli risparmi possibili in questo settore ed alla salvaguardia della possibilità di osservare ancora il cielo stellato, riconosciuto “bene dell’umanità” dall’UNESCO. Il tema dell’inquinamento luminoso non riguarda, infatti, solo coloro che vogliono osservare il cielo stellato ma tutti noi, ambiente naturale compreso. Dell’eccessiva od irrazionale illuminazione notturna soffrono, infatti, piante ed animali, ma parecchi studi mostrano anche il disagio per gli essere umani di essere troppo esposti alla luce. Sul tema ci sono poi molti luoghi comuni: ad esempio il ritenere una zona molto illuminata più sicura, dal punto di vista dei crimini possibili, di una zona con illuminazione più ridotta. In realtà le statistiche e gli studi dimostrano che ove ci sono corpi illuminanti troppo intensi si generano necessariamente zone d’ombra, per una siepe, un angolo di strada, un albero o altro, che non fanno che spostare di qualche metro l’ipotetico pericolo.

Quel che chiede il mondo astronomico, assieme al mondo ambientale (ed al nostro portafoglio – pubblico e personale) è di razionalizzare l’illuminazione, evitare sprechi legati ad illuminare inutilmente il cielo. Si veda come esempio la foto, che riprende un tratto cittadino dell’Aurelia, in cui si può notare come le cime degli alberi e i muri alti delle case risultino più illuminati della strada e dei marciapiedi…
Per non parlare poi di certi punti luce, ad esempio alcune vecchie rotonde, che danno più abbagliamento che visione.  Da questo punto di vista il GAM apprezza i primi passi mossi dall’amministrazione comunale sul risparmio energetico, che vanno finalmente nel senso previsto dalle norme regionali e nazionali;  conferma la propria disponibilità a titolo gratuito a mettere a disposizione degli uffici competenti le proprie esperienze pluridecennali, perché il risparmio non si limiti solo ad essere quantitativo (soldi risparmiati) ma si unisca anche ad un salto di qualità nell’illuminazione. Che permetta insomma di vedere la strada, ma di vedere anche il cielo. Anche nell’illuminazione notturna, come diceva lo slogan di qualche anno fa, “un altro mondo è possibile, costruiamolo insieme”.

ore: 18:46 | 

comments powered by Disqus