ore:  14:13 | allerta colore giallo per temporali forti a partire dalle ore 00.00 Martedì, 27 Luglio alle ore 18.00 Martedì, 27 Luglio 2021

ore:  13:15 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico e temporali forti dalle ore 13:00 fino alle ore 22.00 di Venerdì, 16 Luglio 2021.

ore:  15:33 | Codice giallo per vento forte e mareggiate sulla costa e l’Arcipelago fino al 14 luglio

ore:  12:27 | Allerta codice Giallo per temporali e mareggiate, domani, martedi 13 luglio dalle 8 alle 23.59

ore:  12:55 | Codice giallo per temporali dalle 13 a mezzanotte di oggi 8 luglio

venerdì, 26 luglio, 2013

http://www.antenna3.tv/2013/07/26/sulla-questione-eaton-interviene-lara-vene/

Mediavideo Antenna3

Sulla questione EATON interviene Lara Venè

di  Redazione web

lara venèL’avvenuto accordo per l’acquisto dell’area Eaton è una di quelle notizie storiche per il nostro territorio. Non solo, perché arriva dopo anni di stop and go, proposte naufragate nel nulla, tentativi falliti, idee abortite sul nascere, ma anche perché potrebbe rivoluzionare il modo di concepire e sfruttare la nostra zona industriale. In questo senso credo che l’accordo che è stato stipulato per acquistare l’area Eaton possa rappresentare uno spartiacque per il futuro di tutta la zona industriale apuana, e non solo per l’area un tempo occupata dalla multinazionale americana.

La chiave di volta si chiama Consorzio Zona. Il presupposto per il buon esito di tutta l’operazione infatti, sta nel ruolo che il Consorzio sarà in grado di esercitare. Entro 90 giorni dovrà elaborare una o più proposte da sottoporre al vaglio dei sottoscrittori dell’accordo. Ma credo, e spero che questo passaggio venga vissuto e interpretato come un’occasione perché il Consorzio Zona acquisisca un nuovo ruolo. E si proceda verso una riorganizzazione ormai non più rinviabile, che lo faccia diventare un ente di calmiera per liberare le aree e metterle a disposizione delle varie richieste, insomma uno “sviluppatore” di insediamenti industriali. Un ruolo che potrà difendere la zona industriale dai vari appetiti che l’hanno bloccata in passato e non hanno aiutato il rilancio dell’occupazione. Il Consorzio Zona diventerà così il vero imprenditore del territorio.

Questo è stato uno dei punti fondamentali del programma con cui ho partecipato alle primarie del centosinistra. Ed è stato anche uno dei tre punti su cui ha preso forma il nostro appoggio al candidato Volpi nel ballottaggio. E’ duplice quindi la soddisfazione nell’apprendere che finalmente ci si muove in questa direzione.

E’ la dimostrazione che non è vero che le amministrazioni locali non possano fare nulla per contrastare la crisi e il fenomeno dilagante della disoccupazione. Devono dotarsi di strumenti per essere pronte e attrezzate ad accogliere le occasioni di investimento. In questo senso un nuovo ruolo del Consorzio Zona è fondamentale ma serve anche altro: servono opere infrastrutturali ed è necessario lavorare speditamente ad uno strumento urbanistico territoriale molto più elastico circa la tipologia merceologica e la dimensione territoriale per andare incontro alla richiesta del mondo dell’artigianato, vera spina dorsale della nostra economia.

Adesso dipende solo da noi. La vicenda Eaton ce lo ha dimostrato. Tanto più che è possibile contare sull’appoggio convinto della Regione Toscana con il Presidente Rossi che è stato una presenza costante durante tutta la vertenza fino a stanziare i 5 milioni di euro utili per l’acquisto dell’area.

Lara Venè

ore: 12:39 | 

comments powered by Disqus