ore:  14:13 | allerta colore giallo per temporali forti a partire dalle ore 00.00 Martedì, 27 Luglio alle ore 18.00 Martedì, 27 Luglio 2021

ore:  13:15 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico e temporali forti dalle ore 13:00 fino alle ore 22.00 di Venerdì, 16 Luglio 2021.

ore:  15:33 | Codice giallo per vento forte e mareggiate sulla costa e l’Arcipelago fino al 14 luglio

ore:  12:27 | Allerta codice Giallo per temporali e mareggiate, domani, martedi 13 luglio dalle 8 alle 23.59

ore:  12:55 | Codice giallo per temporali dalle 13 a mezzanotte di oggi 8 luglio

giovedì, 25 luglio, 2013

http://www.antenna3.tv/2013/07/25/piccoli-comuni-si-perde-rappresentanza-democratica-dei-cittadini-e-intanto-il-numero-dei-parlamentari-resta-immutato-giurlani-uncem-e-vanni-anci-%e2%80%9cdecimati-i-consiglieri-niente/

Mediavideo Antenna3

PICCOLI COMUNI – Si perde rappresentanza democratica dei cittadini e intanto il numero dei parlamentari resta immutato Giurlani (Uncem) e Vanni (Anci): “Decimati i consiglieri, niente risparmio e zero rappresentatività”

di  Redazione web

giurlani-vanni-comuniSi chiudono le porte alla rappresentatività e funzionalità dei consigli comunali, i piccoli Comuni ancora una volta sotto tiro. Scatta un vero e proprio allarme  per le municipalità più piccole perché la prossima primavera saranno rinnovate la grande maggioranza delle amministrazioni comunali e in base ad una legge del 2011 la composizione numerica dei consigli comunali verrà decimata.

In particolare nei Comuni sotto i cinquemila abitanti  (in tutto sono 5 mila 700 su 8100 e rappresentano il 54 per cento del territorio nazionale. In Toscana nei 134 Comuni sotto i 5.000 abitanti si avrà un taglio dei consiglieri del 50 per cento e anche oltre. Nei comuni fino a 3 mila abitanti, infatti, passeranno dagli attuali 12 a 6, in quelli da 3 mila a 5000 da 16 a 7.

“In questo modo – dicono Oreste Giurlani Presidente di Uncem Toscana e Pierandrea Vanni Coordinatore della Consulta Piccoli Comuni Anci Toscana – in nome di un presunto contenimento  delle spese della politica si riduce notevolmente la rappresentanza democratica dei cittadini e la rappresentanza territoriale nell’ambito dei singoli comuni”.

Così facendo si comprime il pluralismo (che non è costituito solo dalle forze politiche ma anche dalle liste civiche e indipendenti) e si privano le amministrazioni comunali dell’apporto di veri e propri volontari che aiutano a fronteggiare le varie necessità e contribuiscono a facilitare e favorire il rapporto tra istituzioni locali e cittadini.

“Quanto al contenimento delle spese – aggiungono –  chi ha proposto e poi approvato la legge in questione non si è nemmeno informato a dovere: avrebbe scoperto che il consigliere comunale di un piccolo comune percepisce un gettone di presenza che va dai 13 ai 16 euro lordi a seduta, in media per 10-12 sedute di consiglio l’anno.

“Se il problema è davvero la spesa – chiudono Giurlani e Vanni – allora chiediamo ai ministri  competenti e al parlamento (che taglia le altre assemblee  elettive ma non se stesso) di ripristinare il numero dei consiglieri comunali prima del 2011 eliminando  i gettoni di presenza. Togliamo l’alibi del gettone: agli amministratori dei piccoli comuni sta più a cuore la rappresentatività e il funzionamento delle istituzioni locali”.

ore: 16:22 | 

comments powered by Disqus