ore:  14:13 | allerta colore giallo per temporali forti a partire dalle ore 00.00 Martedì, 27 Luglio alle ore 18.00 Martedì, 27 Luglio 2021

ore:  13:15 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico e temporali forti dalle ore 13:00 fino alle ore 22.00 di Venerdì, 16 Luglio 2021.

ore:  15:33 | Codice giallo per vento forte e mareggiate sulla costa e l’Arcipelago fino al 14 luglio

ore:  12:27 | Allerta codice Giallo per temporali e mareggiate, domani, martedi 13 luglio dalle 8 alle 23.59

ore:  12:55 | Codice giallo per temporali dalle 13 a mezzanotte di oggi 8 luglio

lunedì, 3 giugno, 2013

http://www.antenna3.tv/2013/06/03/aulla-e-podenzana-chiedono-di-fondersi-via-libera-della-giunta-regionale/

Mediavideo Antenna3

Aulla e Podenzana chiedono di fondersi, via libera della giunta regionale

di  Redazione web

aulla comuneAltri due comuni toscani scelgono di fondersi: o meglio chiedono di farlo. La giunta regionale, su proposta dell’assessore Bugli, ha approvato stamani la proposta di legge che tiene conto della richiesta dei Comuni di Aulla e Podenzana in provincia di Massa Carrara. Il provvedimento dovrà essere ora discusso dal Consiglio regionale, a cui spetterà anche fissare la data del referendum consultivo. Dare vita ad un comune unico aiuterà a gestire meglio alcuni servizi, a parità di risorse.

Nelle scorse settimana la giunta aveva detto sì alle fusioni di Villafranca e Bagnone, sempre in Lunigiana, a Crespina e Lorenza in provincia di Pisa ed ancora prima a Scarperia e San Piero a Sieve nel Mugello, a Campiglia Marittima e Suvereto in provincia di Livorno e a Casciana Terme e Lari di nuovo in provincia di Pisa. Per la montagna pistoiese, ovvero i Comuni di San Marcello, Abetone, Piteglio e Cutigliano, e la Valbisenzio a Prato ci sono invece due iniziative portate avanti direttamente da alcuni consiglieri regionali. Il 16 giugno saranno chiamati alle urne i cittadini di Castel San Niccolò e Montemignaio in provincia di Arezzo.

Referendum con esito positivo si sono già svolti ad aprile a Figline e Incisa Valdarno in provincia di Firenze (100 chilometri quadrati e 24 mila abitanti), a Fabbriche di Vallico e Vergemoli (75 kmq e 961 abitanti) in provincia di Lucca e a Castelfranco di Sopra e Pian di Scò in provincia di Arezzo (56 kmq per circa diecimila abitanti).

I vantaggi sul bilancio – Ogni Comune che si fonde può contare oggi in Toscana su 250 mila euro l’anno di maggiori contributi regionali, per cinque anni, fino ad un massimo di un milione di euro per fusione. A questi si aggiungono i finanziamenti dello Stato, che variano a seconda della popolazione e sono il 20 per cento, per dieci anni, dei trasferimenti erariali che gli stessi Comuni potevano vantare nel 2010. I Comuni che si fondono sono anche esentati per 3 anni dal rispetto del tetto del patto di stabilità e in questo modo possono far ripartire gli investimenti.

ore: 15:09 | 

comments powered by Disqus