“Intervenire su Anas affinché riveda le sue decisioni consentendo, nelle more della realizzazione del nuovo ponte, la predisposizione in tempi rapidissimi del guado richiesto dal territorio”, per recuperare funzionalità al sistema dei collegamenti viari della zona e contestualmente condizioni più favorevoli alla tenuta del debole sistema economico locale. Questo l’impegno chiesto al presidente della Giunta toscana, Enrico Rossi, da una mozione approvata con voto unanime dal Consiglio regionale e a firma dei consiglieri Loris Rossetti (Pd), Paolo Marini (FdS/Verdi) e Jacopo Ferri (PdL).

L’atto affronta il crollo del ponte sul torrente Aulella a Serricciole, una frazione del Comune di Aulla in Lunigiana, e la decisione di Anas, responsabile della viabilità sulla strada statale n.36, di non accogliere le richieste delle amministrazioni locali per la realizzazione di un guado che consenta un recupero della funzionalità del traffico veicolare. Anas ha infatti scelto di “dirottare” il traffico sulla viabilità circostante, “inadeguata e inefficiente” si legge nel testo della mozione, attrezzando solo una segnaletica di servizio e con “pesanti difficoltà di viabilità della zona”.