Dura critica da parte del Movimento 5 Stelle carrarese alla decisione dell’Amministrazione comunale di ospitare il circo. Il ritorno del Circo Orfei, che si vanta di contare più di 100 animali selvatici, fa infuriare gli amici di Beppe Grillo: “A quanto pare questo è il massimo dell’espressione culturale che sappiamo accogliere di recente”, affermano, “e mentre nel resto d’Italia una resistenza amministrativa sempre maggiore pone paletti a questa barbarie, qui a Carrara il regolamento comunale rimane intatto nella sua assoluta assenza di etica”. Quest’ultimo, secondo le accuse del 5 stelle, non si sarebbe ancora adeguato neppure alle più banali innovazioni apportate in questi anni, come la messa al bando del commercio di pelli e pellicce di cani e gatti, di petardi e fuochi d’artificio, delle aragoste su ghiaccio. Distanti anni luce dalle istanze etiche dei loro cittadini, i politici locali sarebbero direttamente rispondenti esclusivamente ai loro schieramenti: in questo modo le sollecitazioni  politico-amministrative non crescerebbero di pari passo con quelle etico-politiche degli abitanti. “E’ ora di cambiare e mettere un freno a queste abitudini”, è questo l’appello del Movimento 5 Stelle che conclude, “andremo da cittadini, capaci di riconoscere i diritti prima ancora di pretenderli, verso l’abolizione dei circhi con animali”.