ore:  12:57 | Vento, codice giallo in Toscana fino a domani 26 febbraio

ore:  13:23 | Codice giallo per ghiaccio e neve fino a martedì 11 gennaio

ore:  16:34 | Allerta meteo, lunedì 10 gennaio codice giallo per neve e vento

ore:  13:45 | AGGIORNAMENTO – allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, attualmente in corso fino alle ore 22:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

ore:  12:48 | Allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, a partire dalle ore 10:00 fino alle ore 18:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

sabato, 31 dicembre, 2011

http://www.antenna3.tv/2011/12/31/tagli-servizi-apuafarma-intervento-della-cgil/

Mediavideo Antenna3

Tagli servizi Apuafarma. Intervento della CGIL

di  Redazione

Il sindacato da tempo denuncia il rischio di riduzione di servizi, con ricadute occupazionali conseguenti.

Lo denuncia perché è sui luoghi di lavoro e tra la gente (la più bisognosa di attenzioni e cure) ed ha quindi il “polso” della situazione, della sofferenza, della crisi dell’occupazione o di una occupazione con retribuzioni da povertà.

Crediamo sia giunto il momento di squarciare definitivamente il velo su situazioni che si fanno via via più insostenibili; crediamo sia giunto il momento per alcune delle nostre Amministrazioni di uscire allo scoperto e dire chiaramente cosa intendono fare per garantire, pur in una congiuntura che sappiamo essere drammatica, i livelli di servizi a favore dei più deboli, degli anziani, dei minori in difficoltà, dei portatori di handicap.

Ed allora partiamo da Carrara e facciamo parlare i dati nudi e crudi.

Il comune ha scelto di erogare la gran parte dei servizi alla persona (anziani, handicap, famiglie in difficoltà, ecc.) attraverso la sua Azienda Apuafarma.

Raffrontiamo il monte ore 2010 / 2011 di servizi commissionati in questi campi dal Comune ad Apuafarma, appunto:

Assistenza domiciliare in favore della popolazione anziana: abbiamo un calo medio mensile di    91 ore con un dato finale (dicembre 2010/dicembre 2011) di –110 ore.

Educativa territoriale (minori con famiglie in difficoltà dietro segnalazione del tribunale dei minori): abbiamo un calo medio mensile di 103,30 ore con un dato finale di -103 ore (a dicembre 2011 sono state richieste solo 22,30 ore a fronte delle 125 dell’anno precedente. Non sappiamo se esultare pensando che non abbiamo praticamente più famiglie con problemi – con un dato consolidato negli anni precedenti che diceva l’esatto opposto -o essere drammaticamente preoccupati).

OSE (operatori/trici socio educativi/e) domiciliari (assistenza a minori portatori di handicap):  abbiamo un calo medio mensile di 96 ore  con un dato finale di -95 ore .

OSE di supporto a scuola, per minori portatori di handicap:  abbiamo un calo medio mensile di 96 ore  con un dato finale di -121 ore.

Sono dati veramente impressionanti perché parlano di una compressione di servizi (con evidenti ricadute occupazionali) che si erano strutturati e stabilizzati negli anni e che hanno avuto una contrazione che non è assolutamente giustificabile con una ipotetica contrazione della domanda: infatti gli anziani fisiologicamente aumentano e, purtroppo, non diminuiscono i casi di sofferenza delle famiglie o di handicap.

Insomma, in un momento in cui i bisogni cresceranno (aumento dell’aspettativa di vita, aumento del disagio sociale), ci troviamo di fronte a scelte che vanno in tutt’altra direzione.

Parliamo di scelte perché riteniamo che la scure dei tagli (indotta certo da scelte governative che non condividiamo) non possa e non debba ricadere sui più bisognosi di cure e di attenzioni.

Non ci possiamo rassegnare a vivere in una società che non si fa carico degli ultimi, dei più sofferenti.

Quanto al Comune di Carrara: ha sempre sbandierato di non aver  operato tagli sul sociale, e  quelli che abbiamo sopra evidenziato come vogliamo chiamarli?

Qual’è l’impegno che l’Amministrazione intende prendere con i suoi cittadini per garantire il ripristino di livelli di erogazione di servizi accettabili?

Avevamo chiesto incontri per esaminare nel complesso la situazione (anche in relazione ad una sofferenza organizzativa nel Settore Sociale del Comune), con un confronto sia sul livello dei servizi che sul livello occupazionale: i Segretari Generali di CGIL, CISL e UIL hanno chiesto un incontro al Sindaco sul bilancio il 29 ottobre scorso, ma al momento siamo ancora in attesa, mentre le scelte con tutta evidenza sono state fatte, senza che si sentisse il bisogno di un confronto con le parti sociali, una modalità di governare che non ci piace a Roma e tanto meno a Carrara.

ore: 19:01 | 

comments powered by Disqus