ore:  12:57 | Vento, codice giallo in Toscana fino a domani 26 febbraio

ore:  13:23 | Codice giallo per ghiaccio e neve fino a martedì 11 gennaio

ore:  16:34 | Allerta meteo, lunedì 10 gennaio codice giallo per neve e vento

ore:  13:45 | AGGIORNAMENTO – allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, attualmente in corso fino alle ore 22:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

ore:  12:48 | Allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, a partire dalle ore 10:00 fino alle ore 18:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

mercoledì, 23 novembre, 2011

http://www.antenna3.tv/2011/11/23/al-club-alpino-una-serata-per-fermare-il-piu-grande-disastro-ambientale-d%e2%80%99europa/

Mediavideo Antenna3

Al Club Alpino una serata per fermare il più grande disastro ambientale d’Europa

di  Redazione

La Scuola di escursionismo del Club Alpino di Prato ha organizzato per giovedì 24 novembre una serata dedicata alla distruzione delle Alpi Apuane: il più grande disastro ambientale d’Europa.
Lo scorso 18 settembre l’Unesco ha inserito le Alpi Apuane nella rete mondiale degli 87 Geoparchi, considerando l’area toscana “una vera e propria icona della complessità culturale dell’Italia dei patrimoni artistici e paesaggistici”.
Eppure su quel territorio si sta consumando il più grande disastro ambientale d’Europa.
Il regista e studioso Alberto Grossi ha documentato lo scempio delle Alpi Apuane e denunciato il nuovo business delle multinazionali del carbonato di calcio. I suoi lavori sono stati premiati al Carrara Festival e al FilmFestival della Montagna di Trento, il più importante al mondo dei festival di cinematografia del settore.
Intanto si è costituito il gruppo civico “Salviamo le Apuane”, per lanciare un disperato appello a tutti coloro che sono interessati a salvaguardare il territorio delle Alpi Apuane. Oggi sempre più a rischio, visto il nuovo bussiness del carbonato di calcio, ricavato dal marmo: i cavatori si sono quasi estinti e ormai fanno saltare le montagne riducendole in polvere per soddisfare gli appetiti commerciali di qualche grande azienda. Di queste ricchezze oltretutto i cittadini apuani non ne hanno mai usufruito ma ne sono rimasti solamente vittime.
Salviamo le Apuane ha già raccolto quasi 5.000 adesioni e ha deciso di rompere i confini dell’area geografica che circonda il parco delle Apuane per trovare amici e sostenitori.
Quella di giovedì 24 a Prato rappresenta la prima iniziativa pubblica “in trasferta”. L’amicizia del Club Alpino di Prato con le Alpi Apuane e la sua gente è storica e radicata. D’altronde i pratesi, che hanno uno dei più numerosi Cai dell’Italia centrale, non disponendo di significative montange in casa propria hanno da oltre un secolo “adottato” le affascianti vette apuane.
L’iniziativa si svolgerà giovedì 24 novembre alle ore 21 presso la sede del Cai di Prato in via dell’Altopascio 8 (centro storico). Dopo la propiezione dei filmati “Cosa c’è sotto le nuvole” e “Aut Out” ci sarà un incontro con il regista Alberto Grossi e con gli organizzatori del Gruppo “Salviamo le Apuane”.

ore: 14:55 | 

comments powered by Disqus