ore:  12:57 | Vento, codice giallo in Toscana fino a domani 26 febbraio

ore:  13:23 | Codice giallo per ghiaccio e neve fino a martedì 11 gennaio

ore:  16:34 | Allerta meteo, lunedì 10 gennaio codice giallo per neve e vento

ore:  13:45 | AGGIORNAMENTO – allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, attualmente in corso fino alle ore 22:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

ore:  12:48 | Allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, a partire dalle ore 10:00 fino alle ore 18:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

lunedì, 21 novembre, 2011

http://www.antenna3.tv/2011/11/21/%e2%80%9csenza-filiera-del-bosco-il-cogeneratore-non-deve-essere-installato-a-canevara%e2%80%9d-loris-rossetti-spiega-gli-indirizzi-della-regione-per-la-realizzazione-degli-impianti-a-biomasse/

Mediavideo Antenna3

“Senza filiera del bosco, il cogeneratore non deve essere installato a Canevara”. Loris Rossetti spiega gli indirizzi della Regione per la realizzazione degli impianti a biomasse

di  Redazione

“Il cogeneratore a biomasse rappresenta un ulteriore strumento per attivare la filiera corta del legno. Per questo deve essere installato vicino ad aree dove si può utilizzare il bosco, renderlo economicamente vantaggioso, sfruttando ramaglie e cippato. Se per far funzionare il cogeneratore bisogna far arrivare il materiale da lontano, trasportato dai camion attraverso i centri abitati, allora stiamo sbagliando e dobbiamo pensare a una sua ricollocazione”. Il consigliere regionale Loris Rossetti, presidente della commissione agricoltura, spiega il proprio pensiero sulla realizzazione degli impianti a biomasse sul territorio regionale. “Per quanto riguarda la questione di Canevara, e la raccolta delle mille firme contro la realizzazione di un cogeneratore all’ex cartiera – chiarisce ancora Rossetti – l’analisi da fare è la stessa che vale per qualsiasi altra zona: bisogna chiarire se il cogeneratore viene realizzato in quell’area perché lì ha un significato strategico nella realizzazione di una filiera del bosco nell’area circostante. Siccome a oggi, dalle informazioni in mio possesso, sembra che sia difficile ottenere una filiera del legno nelle aree a monte, allora io sto con le mille firme. Dobbiamo pensare a realizzare l’impianto là dove può svolgere tutte le sue funzioni”. Perché il cogeneratore non deve servire solo alla produzione di energia, ma integrarsi perfettamente con un nuovo modello di sviluppo. “Oltre alla funzione primaria di ottenere energia da fonti riciclabili, l’impianto a biomasse deve servire a sviluppare una nuova cultura e cura delle nostre zone – conclude il presidente della commissione agricoltura -: ramaglie e cippato devono provenire dai boschi vicini, che vengono curati e puliti. I resti vegetali non finiscono nei corsi d’acqua e andiamo così a salvaguardare un territorio fragile, minato da un delicato equilibrio idrogeologico”.

ore: 19:44 | 

comments powered by Disqus