ore:  12:57 | Vento, codice giallo in Toscana fino a domani 26 febbraio

ore:  13:23 | Codice giallo per ghiaccio e neve fino a martedì 11 gennaio

ore:  16:34 | Allerta meteo, lunedì 10 gennaio codice giallo per neve e vento

ore:  13:45 | AGGIORNAMENTO – allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, attualmente in corso fino alle ore 22:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

ore:  12:48 | Allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, a partire dalle ore 10:00 fino alle ore 18:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

venerdì, 4 novembre, 2011

http://www.antenna3.tv/2011/11/04/maltempo-280-comuni-a-rischio-in-toscana-presenza-attivita%e2%80%99-agricole-evitato-catastrofe/

Mediavideo Antenna3

MALTEMPO: 280 COMUNI A RISCHIO IN TOSCANA, PRESENZA ATTIVITA’ AGRICOLE EVITATO CATASTROFE

di  Redazione

“La coscienza e la saggezza del mondo agricolo hanno evitato conseguenze ben peggiori in Lunigiana”. La presenza delle attività agricole sul territorio, ed in zone altrimenti abbandonate, riduce la “fragilità” del terreno e il rischio di frane, smottamenti ed eventi calamitosi. I fatti di cronaca si sprecano negli ultimi anni: la terribile sequenza di frane nella zona del Candia e Lavacchio lo scorso anno, nel comune di Massa costata anche un duro bilancio di vittime, e l’esondazione del fiume Serchio che ha flagellato il pisano e lucchese nel 2009.

Secondo Coldiretti (info su www.toscana.coldiretti.it) in Toscana ci sono 280 i comuni a rischio: pari al 98% del totale. Tra i 10 capoluoghi toscani, ben sette – Firenze, Livorno, Lucca, Massa, Pisa, Prato e Pistoia – presentano addirittura il 100% delle Amministrazioni classificate a rischio. Seguono Arezzo, Siena e Grosseto, rispettivamente con il 97, il 94 e l’86 per cento delle municipalita’ considerate a rischio. L’area interessata dal maltempo è dunque più fragile rispetto alla media nazionale in Italia dove comunque – precisa la Coldiretti – ci sono 5.581 comuni, il 70 per cento del totale, a rischio idrogeologico, dei quali 1.700 sono a rischio frana e 1.285 a rischio di alluvione, mentre 2.596 sono a rischio per entrambe le calamità.

La solidarietà che Coldiretti rivolge a tutte le imprese agricole che con differenti difficoltà, disagi e danni hanno subito la furia dell’esondazione. “Alle imprese della Lunigiana, presidio imprescindibile nel mantenimento di equilibri fragilissimi, come hanno dimostrato questi tragici fatti, la nostra solidarietà. Gli resteremo vicino, come abbiamo sempre fatto, perché è grazie alla loro presenza sul territorio, notte e giorno, e grazie alla coscienza e saggezza del mondo agricolo, che catastrofi ben peggiori sono scongiurate”. Coldiretti punta il dito anche contro la cementificazione selvaggia: “Il progressivo abbandono del territorio e il rapido processo di urbanizzazione spesso incontrollata non è – analizza Marcelli – non è stato accompagnato da un adeguamento della rete di scolo delle acque; è necessario intervenire per invertire una tendenza che – conclude il Presidente Regionale – mette a rischio la sicurezza idrogeologica di tutto il territorio”.

ore: 18:52 | 

comments powered by Disqus