ore:  12:57 | Vento, codice giallo in Toscana fino a domani 26 febbraio

ore:  13:23 | Codice giallo per ghiaccio e neve fino a martedì 11 gennaio

ore:  16:34 | Allerta meteo, lunedì 10 gennaio codice giallo per neve e vento

ore:  13:45 | AGGIORNAMENTO – allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, attualmente in corso fino alle ore 22:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

ore:  12:48 | Allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, a partire dalle ore 10:00 fino alle ore 18:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

giovedì, 3 novembre, 2011

http://www.antenna3.tv/2011/11/03/le-aziende-locali-di-gestione-dei-rifiuti-amia-per-carrara-e-asmiu-per-massa-entro-il-prossimo-anno-dovranno-cedere-il-ramo-di-azienda-a-una-nuova-societa-multi-provinciale-che-comprendera-massa/

Mediavideo Antenna3

Le aziende locali di gestione dei rifiuti, Amia per Carrara e Asmiu per massa, entro il prossimo anno dovranno cedere il ramo di azienda a una nuova societa’ multi-provinciale che comprendera’ Massa Carrara, Lucca, Pisa e Livorno.

di  Redazione web

Molto presto Massa Carrara dovrà dire addio alle proprie aziende locali di gestione e trattamento dei rifiuti. Le aziende municipalizzate Amia e Asmiu verranno conferite in una nuova realtà comprendente 111 comuni e quattro province. Oltre a Massa Carrara ci saranno Pisa, Lucca e Livorno. Una manovra indicata dalla Regione Toscana alla quale non ci si può rifiutare, pena il commissariamento straordinario delle aziende locali. Una manovra obbligata che però non piace a tutti. A Carrara ad esempio la politica in maniera bipartisan non è favorevole all’idea di cedere il ramo di azienda dell’igiene pubblica di Amia, una società modello capace di tenere i conti in regola e di onorare regolarmente il contratto di servizio. Per questo domani nel cda dell’Ato Rifiuti il primo cittadino Angelo Zubbani tenterà la carta di salvare il ramo di azienda chiedendo di dividere la raccolta e lo spazzamento dallo smaltimento. Una manovra in ritardo ma arrivata nell’unica occasione in cui può essere efficace. Per la nostra provincia, tuttavia, la nuova azienda potrebbe risolvere definitibamente il problema della chiusura del ciclo dei rifiuti e poi sul piatto c’è anche il futuro del Cermec che nei piani dovrebbe venire conferito nella nuova realtà multi-provinciale.

ore: 18:57 | 

comments powered by Disqus