ore:  12:57 | Vento, codice giallo in Toscana fino a domani 26 febbraio

ore:  13:23 | Codice giallo per ghiaccio e neve fino a martedì 11 gennaio

ore:  16:34 | Allerta meteo, lunedì 10 gennaio codice giallo per neve e vento

ore:  13:45 | AGGIORNAMENTO – allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, attualmente in corso fino alle ore 22:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

ore:  12:48 | Allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, a partire dalle ore 10:00 fino alle ore 18:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

sabato, 29 ottobre, 2011

http://www.antenna3.tv/2011/10/29/l%e2%80%99agricoltura-ad-aulla-e%e2%80%99-in-ginocchio-decine-di-capi-di-bestiame-annegati-stalle-distrutte-e-frane-dovunque-hanno-piegato-uno-dei-settori-piu%e2%80%99-redditizi-della-lunigiana/

Mediavideo Antenna3

L’AGRICOLTURA AD AULLA E’ IN GINOCCHIO: DECINE DI CAPI DI BESTIAME ANNEGATI, STALLE DISTRUTTE E FRANE DOVUNQUE HANNO PIEGATO UNO DEI SETTORI PIU’ REDDITIZI DELLA LUNIGIANA.

di  Redazione web

Ad Aulla, dove adesso tutto tace e si cerca di ripartire si fa anche la conta dei danni che la violenta piena del Magra ha portato con se’. Anche l’agricoltura è in ginocchio: stalle allagate, decine di capi annegati, smottamenti un po’ ovunque e strade di collegamento per raggiungere le aziende agricole interrotte ed impraticabili persino con i trattori: questo è il primo, tragico, bilancio,secondo Col diretti. Da mercoledì mattina ormai, l’associazione sta cercando di raggiungere telefonicamente le imprese agricole per cercare di capire l’entità dei danni e delle emergenze da affrontare. Le situazioni più difficili nell’alta Lunigiana, e, più precisamente, nei comuni di Zeri, Pontremoli, Filatteria, Bagnone e Mulazzo. A Mulazzo, nel borgo dei librai, famoso in tutto il mondo, sono state evacuate 200 persone la scorsa notte, a scopo precauzionale: causa, una frana. Danni anche a Podenzana, frazione limitrofa ad Aulla: la violenza dell’esondazione del fiume Magra, che ha devastato il centro della città, ha inghiottito anche alcuni bovini. “La situazione è molto complicata – spiega Francesco Ciarrocchi, Direttore Provinciale Coldiretti – il black out delle linee telefoniche e la difficoltà di raggiungere, anche fisicamente le imprese, non ci permettono ancora di avere un quadro ben definito dei danni, dei disagi e delle emergenze che ci troveremo ad affrontare in queste ore, e nei prossimi giorni.  In alta  Lunigiana anche una serie di smottamenti e piccole frane, che hanno reso impossibile l’accesso ai terreni agricoli e alle stalle”. Tra i danni accertati ci sono invece quelli materiali alla sede di Aulla dell’organizzazione agricola e dell’Associazione Regionale Allevatori. Gli uffici, che si trovano in Piazza Nenni, proprio tra Via Lunigiana e Via della Resistenza, sono completamente distrutti.

ore: 19:35 | 

comments powered by Disqus