ore:  12:57 | Vento, codice giallo in Toscana fino a domani 26 febbraio

ore:  13:23 | Codice giallo per ghiaccio e neve fino a martedì 11 gennaio

ore:  16:34 | Allerta meteo, lunedì 10 gennaio codice giallo per neve e vento

ore:  13:45 | AGGIORNAMENTO – allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, attualmente in corso fino alle ore 22:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

ore:  12:48 | Allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, a partire dalle ore 10:00 fino alle ore 18:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

venerdì, 28 ottobre, 2011

http://www.antenna3.tv/2011/10/28/dichiarato-stato-di-emergenza-subito-65-milioni/

Mediavideo Antenna3

“Dichiarato stato di emergenza, subito 65 milioni”

di  Redazione

“Dichiarato stato di emergenza, subito 65 milioni”
“Stamattina il Consiglio dei Ministri straordinario ha dichiarato lo stato di emergenza per le province di La Spezia e Massa Carrara, colpite dall’alluvione. Sono stati stanziati 65 milioni di euro”. Lo ha annunciato il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Altero Matteoli, ai microfoni di Sky Tg24 da Aulla (Massa Carrara), dove si è recato in visita nelle zone alluvionate. Il ministro ha spiegato che i 65 milioni rappresentano “un primo finanziamento per i primi lavori. Questo non inficia la possibilità di reperire in seguito altre risorse”.La decisione presa oggi dal governo «è un primo passo importante – ha spiegato il ministro per le Infrastrutture Altero Matteoli – che non inficia comunque la possibilità di aver risorse dal Fondo e dall’Europa».

Il ministro, parlando con i giornalisti, si è detto soddisfatto, anche se dopo aver visitato Monterosso (La Spezia) e sorvolato Vernazza e i comuni della Lunigiana, e ha detto che la situazione è peggiore «in alcuni casi di quello che potevamo immaginare». Per quanto riguarda l’entità dei danni, «occorrerà ancora qualche giorno per avere un’idea più precisa», ha detto. «Posso aggiungere – ha concluso il ministro – che come governo siamo sempre stati in contatto con i prefetti e con le Regioni e gli Enti Locali coinvolti e abbiamo fatto tutto quello che c’era da fare, anche se quando ci sono dei morti è sempre poco».

ore: 13:09 | 

comments powered by Disqus