ore:  12:57 | Vento, codice giallo in Toscana fino a domani 26 febbraio

ore:  13:23 | Codice giallo per ghiaccio e neve fino a martedì 11 gennaio

ore:  16:34 | Allerta meteo, lunedì 10 gennaio codice giallo per neve e vento

ore:  13:45 | AGGIORNAMENTO – allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, attualmente in corso fino alle ore 22:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

ore:  12:48 | Allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, a partire dalle ore 10:00 fino alle ore 18:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

venerdì, 21 ottobre, 2011

http://www.antenna3.tv/2011/10/21/massa-nessuna-emergenza-bus-grazie-alla-riforma-della-regione/

Mediavideo Antenna3

Massa, nessuna emergenza bus grazie alla riforma della Regione

di  Redazione

Cambiare l’attuale sistema di trasporto pubblico per evitare che collassi sotto i tagli finanziari fatti dal Governo.  Questo il senso della profonda riforma del tpl messa in atto dalla Regione Toscana che è stata nuovamente illustrata in occasione della seduta della Conferenza dei servizi per la Provincia di Massa e Carrara che si è riunita questa mattina a Massa.

In particolare, rispetto ai timori espressi da alcuni amministratori di piccoli Comuni, la Regione Toscana ha ricordato che la riforma garantirà il servizio anche per le aree poco popolate. Come condiviso con Uncem, infatti, c’è la possibilità di individuare modalità innovative di trasporto pubblico per i piccoli Comuni e le aree montane (a cosiddetta “domanda debole”). I nuovi servizi potranno essere organizzati anche attraverso l’integrazione con servizi sociali e scolastici, a chiamata o di autonoleggio.

“Nonostante i tagli irresponsabili del Govreno gli autobus toscani non si fermeranno – spiega l’assessore regionale ai trasporti Luca Ceccobao – proprio perchè la Regione è intervenuta per il 2011 ed il 2012 con interventi importanti e nel frattempo ha progettato una ricoluzione del sistema pensata per abbassare i costi e ottomizzare l’efficienza. Cambiamenti saranno necessari e inevitabili, ma il nostro obiettivo, condiviso con gli enti locali, è quello di garantire il servizio ai cittadini e pendolari toscani. E nel frattempo garantire investimenti e quindi nuovi bus più sicuri e moderni”.

La riforma del trasporto pubblico locale prevede di razionalizzare e semplificare il settore passando da 14 contratti ad un’unica azienda a livello regionale. La Regione stanzierà per i nove anni complessivi previsti dalla gara 160 milioni di euro all’anno più 30 milioni per l’acquisto di nuovi autobus. Dato, quest’ultimo, molto importante, visto un’età media del parco macchine di undici anni e mezzo, con episodi di gravi disservizi avenuti nelle ultime settimane anche in provincia di Massa Carrara.

La  conferenza dei servizi di Massa, che ha visto oggi la sua seconda seduta, serve proprio a raccogliere le istanze del territorio, far predisporre da Comuni e Provincia il disegno di quella che dovrà essere la nuova rete del trasporto pubblico, tenendo conto delle necessità dei cittadini e delle risorse a disposizione.

ore: 17:17 | 

comments powered by Disqus