La sanità apuana vista da Italia dei valori e sinistra ecologia e libertà che in un comunicato congiunto precisano che “Il buco da 300milioni non è una scusa inventata dai massesi cattivi per colpire la sanità carrarese o portare tutto a Massa, ma è una triste realtà, che ha cause precise: in primis una pessima gestione tecnico-sanitaria e la sostanziale connivenza e intrusione della “casta partitica” alla guida delle nostre città da molti anni. I due partiti, inoltre, puntano il dito  contro il pd, “colpevole di un silenzio assordante, e dilaniato tra spinte campanilistiche  (paura di perdere i voti), il conflitto regione-comuni (contrasto Rossi-Zubbani) e la consapevolezza che i suoi vertici hanno contribuito in larga misura al disastro attuale”. Al Pd e al psi i dirigenti di Sel e Idv pongono domande precise: “Come mai non c’è stata mobilitazione quando, a partire dal 2000, è iniziata la moltiplicazione e la distribuzione tra cordate di partito delle strutture ospedaliere, dei reparti, dei primariati, dei laboratori, dei macchinari, delle sale chirurgiche? Secondo la nota congiunta, cinque Ospedali per 200.000 abitanti hanno rappresentato un ottimo affare per case farmaceutiche, produttori, fornitori, ditte, raccomandati. “Fino a quando ce n’è stato per tutti, nessuno si lamentava, quando il flusso di danaro ha iniziato a diminuire tutti si sono tirati indietro, nessuno è colpevole”, affermanoSel e Idv che si chiedono come mai nessunoha mai ascoltato chi muoveva precise critiche ad una gestione clientelare e affaristica della sanità locale. Perché – aggiungono – si è preferito puntare sulla assunzione di impiegati piuttosto che di figure sanitarie? I servizi territoriali, i Distretti, i Consultori, i Centri di Salute Mentale, Le Dipendenze, la Prevenzione in generale, gli Screening oggi sono in crisi a causa soprattutto delle scelte sbagliate e “interessate” delle direzioni generali dell’ ASL. Perché nessuno si è mai interessato a ciò che si andava accumulando all’Asl in termini di debiti con le ditte appaltatrici?E adesso è tutto un lamentarsi da parte degli utenti delle lungaggini, dei mancati servizi.La cosa vergognosa, concludono Sel e Idv, è che si intende indirizzare la giusta protesta popolare verso un falso obiettivo; Massa “cattiva” che ci porta via il monoblocco! Ma a chi la si vuole raccontare.